Coltivare legami: il condominio solidale

C’è una fascia debole della popolazione che oggi non riesce ad accedere alle misure locali o nazionali di contrasto alla povertà né ai servizi comunali, che invece raggiungono principalmente le fragilità delle famiglie il cui disagio si è cronicizzato e, partendo da questa riflessione che riguarda molti cittadini, ci siamo chiesti quali azioni sia possibile mettere in campo per dare una risposta anche ai loro bisogni.CV 2017.03.15 Condominio solidale 001.jpgLa persona dovrebbe sempre costituire il focus delle relazioni, quelle che sostengono la solidarietà reciproca accompagnando anche nei periodi in cui si affrontano difficoltà.
L’emergere di bisogni nuovi richiede la capacità di intercettarli e comprenderli attraverso l’adeguata progettualità di servizi innovativi sui quali investire, per affrontare situazioni di difficoltà temporanea o di disagio cronico che non trovano risposte nelle misure tradizionali di contrasto alla povertà. Pensiamo alla presenza di disabili all’interno della famiglia, alle madri con minori, alle situazioni di rischio evolutivo, o ancora agli adulti che faticano a reinserirsi nel mondo del lavoro.
Questo modello urbano ci piace e non lo riteniamo utopistico. Il condominio solidale risponde all’emergente necessità di casa o di socialità, di accompagnamento all’autonomia, di un contesto protetto e tutelato inserito nel tessuto urbano.CV 2017.03.15 Condominio solidale 002I bisogni specifici possono essere meglio affrontati in una piccola comunità dove si valorizzano i rapporti di prossimità e vicinato. In questo senso il condominio solidale promuove la solidarietà tra condomini con il sostegno reciproco e la partecipazione ad attività di socializzazione, sotto la guida di professionisti adeguatamente preparati.
Parlare di condominio sarebbe, tecnicamente, improprio poiché il modo migliore di concretizzare i progetti consisterebbe a nostro avviso in edifici ricostruiti o recuperati da imprese private, per esempio nell’ambito di più ampi progetti di edilizia convenzionata, e ceduti, come previsto nell’ambito di apposite convenzioni, alle amministrazioni comunali o ad operatori specializzati di provata affidabilità.

ACS

Riso in lacrime

A ben guardare le lacrime assomigliano a chicchi di riso. E per restare in tema morfologico, o forse perché credono nelle segnature, mai come quest’anno i risicoltori piangono. Fiumi di lacrime, che però potranno parzialmente contribuire a ridurre il volume dell’acqua da immettere nelle risaie.CV 2017.03.11 Riso 001L’imprenditoria italiana è ben strana: quando ci sono i profitti non vedi e non senti nessuno. Appena i profitti diminuiscono alè con il pianto greco, la richiesta di sovvenzioni, tutele, leggi garantiste, l’evocazione di catenacci protezionistici che da tempo immemore non si usano più nemmeno nel gioco del calcio.
Se non fossimo quei tesorucci che siamo potremmo sostenere che del Debakel della risicoltura italiana intensiva non ce ne può fregar di meno, visti i costi sanitari e ambientali che comporta. E infatti è così.
Ne parliamo incidentalmente proprio in riferimento alla qualità del prodotto immesso sulle nostre mense: mai come quest’anno il riso della grande produzione è generalmente di pessima qualità. E la ragione non è solo perché oltre la metà proviene dall’estero in regime di esenzione daziaria e coltivato non si sa né dove né come, probabilmente in Africa nelle terre oggetto di land grabbing da parte di multinazionali indiane e cinesi, ben consce che da questo cereale, che costituisce generalmente il primo alimento assunto durante lo svezzamento, dipende la sopravvivenza del 50 per cento della popolazione mondiale.
Ma consentiteci, prima di entrare in argomento, una breve digressione storica: ci farà comprendere come i risicoltori non fossero dei santi nemmeno nell’Ottocento, quando in Italia iniziò la coltivazione moderna grazie alle decine di varietà portate in patria – la storia non lo dice ma si suppone di sfroso – nel 1839 da Giovanni Calleri, gesuita missionario in Estremo Oriente. I semi selezionati attecchirono subito e la coltivazione ebbe un’impennata, uscendo dal giogo di una malattia, chiamata brusone, che affliggeva il Nostrale, l’unica qualità sino ad allora coltivata sul territorio nazionale.
Da quel momento il riso, e i suoi produttori latifondisti, furono a modo loro antesignani del land grabbing nostrano, accaparrandosi terre sempre più estese nel basso Piemonte e in Lombardia che, non sempre provviste di sedimento e drenaggio adeguati, furono in gran parte fonte del flagello della malaria. Nel Casalese, Vercellese e Pavese le risaie costituivano la coltura dominante: rendevano molto ai padroni e una miseria a chi ci lavorava, che in più si portava a casa la febbre terzana. Il primo a denunciarne effetti e ragioni fu Giovanni Lanza, medico e Presidente del Consiglio dal 1869 al 1873. A quella prima denuncia fece seguito nel 1877, in occasione di una vera e propria epidemia, quella di Benedetto Cairoli, Presidente del Consiglio eletto a Pavia nelle fila della Sinistra storica, e ne nacque uno scontro con Agostino Depretis, allora Ministro dell’Interno, anch’egli pavese di Stradella ma rappresentante gli interessi dei proprietari terrieri.
Il riso e il suo potere finanziario consentirono al Regno Sabaudo la realizzazione di importanti opere idrauliche come il Canale Cavour e, in concorso con altri interessi manifatturieri, una fitta rete di strade, tramvie e ferrovie economiche che sfruttavano la sede stradale e che non nacquero certamente per trasportare persone – visto che il costo dei biglietti non era alla portata dei miserabili che vivevano nelle campagne – ma per addurre merci, manufatti e semilavorati alle linee ferroviarie principali affinché raggiungessero i porti d’imbarco o i valichi transalpini (vedasi in proposito: Luigi Ballatore, Storia delle Ferrovie in Piemonte, Editrice Il Punto, anno 2002).CV 2017.03.11 Riso 002Fine dell’ora di storia. E ora, pacco del kleenex a portata di mano.
Tra costi e ricavi sembra che i conti non tornino: import a dazio zero dall’estero, prezzi che crollano, elevati costi di produzione e burocratici, impossibilità di comprimere molte voci di spesa, ricerca genetica sempre più cara e guadagni quasi nulli. Una ricerca presentata dall’Associazione dei laureati in scienze agrarie e forestali di Vercelli e Biella durante la Fiera in campo di Vercelli che si è tenuta il 4 e 5 marzo ha fatto i conti in tasca agli agricoltori mostrando l’amara situazione del settore.
Fra il 2015 e il 2016 sia gli ettari a riso nazionali sia la produzione sono aumentati (+90mila tonnellate) ma anche le scorte di risone sono elevate. Colpa, secondo i risicoltori, dei paesi cosiddetti meno avanzati che continuano a esportare in Europa a dazio zero.
Secondo i dati forniti dall’Associazione di cui sopra solo le aziende oltre i 300 ettari e che coltivano Arborio, Carnaroli o Lungo B hanno portato a casa la copertura dei costi e una modesta remunerazione per il proprio lavoro, tutte le altre sono andate sotto. Va tenuto presente che la dimensione media delle aziende risicole italiane si aggira sui 50 ettari, però quello che la ricerca non dice è che c’è una tendenza alla concentrazione. Il che, espresso in altri termini, significa che sempre meno aziende possiedono superfici sempre più elevate. Nessuno si è premurato di farci sapere chi siano questi facoltosi possidenti, anche se probabilmente finirà come a Milano: quando i cinesi arrivavano in bar, ristoranti, negozi con la proverbiale valigetta ricolma di contanti, pagando prezzi senza trattare, tutti a ossequiare e a vendere, ed ora tutti a lamentarsi dello strapotere degli operatori commerciali con gli occhi a mandorla.
L’Associazione, chiosando che le aziende risicole italiane contribuiscono a mantenere in ordine il territorio, propone di andare verso reti d’impresa, programmare accuratamente le semine coordinando ditte sementiere, industria e aziende agricole in modo da evitare scompensi sul mercato, liberare le aziende dalla burocrazia, puntare sulla ricerca genetica, razionalizzare il parco macchine e premere sull’Unione Europea – quell’Unione che normalmente viene schifata, salvo pietirla quando fa comodo – perché, oltre a porre un freno all’invasione del riso straniero, vigili affinché il prodotto in arrivo rispetti le norme sull’utilizzo di fitofarmaci. Un bel quadro, non c’è che dire, e la sconsolata conclusione della ricerca è che in assenza di cambiamenti e interventi pubblici il comparto risicolo nazionale rischia di scomparire.
Perché ciò non accada non serve che i risicoltori si attacchino a succhiare un’ormai asfittica tetta pubblica, il cui sempre più scarso alimento verrebbe distolto ad altre ben più utili cause.
Il fondatore di Slow Food Carlo Petrini, detto Carlin, affermò: “L’agricoltura, che dovrebbe fondarsi su un’alleanza tra uomo e natura, è diventata invece una guerra. E non è un caso che le tecnologie per fare i pesticidi provengano tutte dall’industria bellica: l’agricoltura industriale è di fatto una dichiarazione di guerra alla Terra.” Ecco, queste parole contengono la soluzione: sarebbe ora che l’agroalimentare lo frequentasse gente consapevole che è ormai tempo di perseguire un’agricoltura sostenibile.
Ma è ora che anche i consumatori si decidano in massa ad acquistare direttamente dai produttori eliminando la ragion d’essere delle catene intermediarie, utilizzando le risorse economiche per pagare il cibo al giusto prezzo. Privilegiando la tavola, piuttosto che il tablet, pur nella consapevoelzza che anche riguardo al riso non è bio tutto ciò che non luccica. Ma di questo parleremo un’altra volta.

Alberto C. Steiner

Nuovi attori dello sviluppo territoriale: i nonni

Tra i paesi europei siamo secondi solo alla Germania e la tendenza, in atto da tempo, viene annualmente confermata: i dati Istat e le previsioni avvertono che entro il 2030 gli over 80 potrebbero rappresentare quasi un terzo della popolazione.CV 2017.03.10 Anziani come risorsa 001Ciò che emerge nettamente è il calo della capacità di assorbimento istituzionale delle nuove e numerose esigenze che il fenomeno sta creando, accompagnate da richieste di servizi da parte di questo esercito di anziani. Che lo si voglia o meno, lo stato sociale non potrà rimanere com’è oggi: molto sta cambiando e cambierà in relazione agli assetti pensionistici e all’assistenza socio-sanitaria.
A causa della trasformazione delle famiglie, dovuta alla diminuzione o all’assenza dei figli e all’incremento di separazioni e divorzi, stiamo inoltre assistendo a nuove modalità di aggregazione sociale. Da una parte una congiuntura economica che limita notevolmente la possibilità, e talvolta la volontà, di intervenire attivamente nella cura di genitori e nonni, dall’altra un aumento esponenziale degli anziani, fascia di popolazione tra le meno privilegiate e più colpite dalla costante erosione dei fondi destinati al welfare.
Lo scenario è indubbiamente insidioso e l’unica alternativa consiste nella creazione di tutto ciò che non può essere chiesto al Servizio Sanitario Nazionale, che non dispone oggi di sufficienti mezzi finanziari. Non rimane quindi che ricorrere all’iniziativa privata, ispirandosi a modelli già esistenti laddove il welfare pubblico non è sviluppato come lo era da noi fino a qualche anno fa. La soluzione risiede nello sviluppo di realtà associative o imprese private non lucrative finalizzate ad un’assistenza qualificata e non improvvisata e all’organizzazione di relazioni sociali, contemplando la possibilità che gli anziani possano rendere disponibili le loro conoscenze a beneficio di bambini, adolescenti e giovani, oltre che prestare la loro opera in attività adatte al loro stato psicofisico, tenendo presente che il desiderio di rimettersi in gioco non manca. Una delle migliori possibilità perché ciò possa accadere è la statuizione di contesti coresidenziali sociali dove per attuare un’economia di scala tutta una serie di servizi sia condivisa: assistenza, cucina, spazi di fruizione comune. E dove possano trovare dignitoso alloggio anche studenti universitari, singoli e giovani famiglie, con la garanzia di spazi individuali inviolabili destinati a ciascun soggetto, in cambio della disponibilità ad essere presenti e attivi nei riguardi degli anziani residenti.
Ne abbiamo parlato in proposito il 28 febbraio scorso nell’articolo Coabitazione solidale come fonte di benessere: l’esempio di Trento, citando la positiva esperienza di un cohousing solidale nella città atesina.
Il problema non si pone, o si pone in misura modesta, nei centri minori e nelle località montane, che tradizionalmente godono di relazioni sociali più solide rispetto a quelle cittadine. La questione va quindi massimamente affrontata nei centri urbani di una certa dimensione: Bergamo, Bologna, Firenze, Verona, oltre che nelle grandi città: Bari, Milano, Genova, Napoli, Palermo, Roma, Torino per citare alcune località e prestando attenzione a non creare gerontopoli ghetto.
Un’alternativa, della quale beneficierebbero i numerosissimi borghi in stato di abbandono dei quali è costellata la Penisola, potrebbe essere costituita dalla creazione di cohousing sul modello dell’albergo diffuso, che le leggi vigenti consentono di attuare in agglomerati che non superino i tremila abitanti. Memoria e cura del territorio, attività condivise, ritmi lenti in contesti ambientali ben diversi da quelli urbani costituirebbero gli atout. Il come, il dove, le modalità potranno essere oggetto di opportuni studi, in fondo oggi stiamo solo gettando un seme.
Gli spazi esistono quindi, senza dover ricorrere a nuove edificazioni. Si tratta di adattare l’esistente sottraendolo al degrado. In tal modo non solo si eviterebbe ulteriore consumo del suolo ma, in special modo in riferimento ai siti non urbani, si rivitalizzerebbero il territorio e la sua cultura, ottenendo altresì una sorta di “guardiania sociale” che contribuirebbe a contrastare il degrado ambientale.
Concludiamo esortando a non dimenticare che a fronte di anziani che, per mangiare, rovistano negli scarti del dopo mercato o addirittura si umiliano compiendo piccoli furti nei supermercati, altri godono di un tenore di vita improntato alla massima serenità economica. A certificare la sussistenza di un’area di benessere diffuso è l’esistenza di sempre più numerosi portali e siti web dove si incontrano domanda e offerta di servizi e di attività legate al mondo senior con informazioni utili non solo al reperimento di assistenti, personale medico e operatori socio sanitari, strutture di accoglienza e case di riposo, ma anche rubriche riguardanti soldi e lavoro, hobby e casa, cultura e mostre, viaggi e tempo libero, sport e centri termali, aree shop e persino incontri per rapporti di ogni tipo, dall’amicizia fino a qualcosa di più.
La questione fondamentale, che supera qualsiasi fattispecie tecnica, si situa però in un nuovo modo di ripensare e ripristinare la solidarietà e lo spirito di vicinato, non da ultimo unendo anziani più fortunati, che godono di un ottimo stato di salute e dispongono di un reddito dignitoso, ad altri che vivono al limite della sussistenza. Utopia? Può darsi.

Alberto C. Steiner

Siegi am Stilfserjoch

Vi sono persone che ad un certo punto trovano il coraggio di ascoltarsi. E scelgono.CC-2016.03.07-Siegi-003.jpgUna di queste è Siegi: ha lavorato in banca per un quarto di secolo, giù in valle, e quando è morto suo padre ha sentito il bisogno di ritrovare il contatto con la natura tornando al paese, dove vivono prevalentemente gli anziani perché i ragazzi se ne vanno per studiare e spesso non tornano più. 500 anime a 1.300 metri di altitudine dominati dal massiccio dell’Ortles con i suoi 3.905 metri e le sue nevi perenni.
A sud l’Adamello e la Valcamonica, a ore sette la Valtellina, a ore nove i Grigioni e il Bernina, a est la Vinschgau che, all’orizzonte, si apre sulla piana di Merano.
Stilfs, in italiano Stelvio: un luogo molto diverso dai presepi altoatesini. Qui c’è una sola strada, quella che passa sotto il Dreisprachenspitze – in italiano banalmente Cima Garibaldi, che forse millantò di aver dormito anche qui – con le sue rampe ed i suoi quarantotto tornanti ancora considerata palestra dell’ardimento da trogloditi che per dimostrare quanto sono cazzuti la percorrono in moto e in auto, strappando urla strazianti ai motori tirati allo spasimo o imballati da inutili scalate. E ogni tanto qualcuno frena troppo tardi.
Per il resto si va a piedi fra boschi, costoni e prati quasi verticali, ed è qui che Siegi si dedica totalmente alle erbe, che coltiva e raccoglie nei campi a duemila metri, di proprietà della famiglia da generazioni e mai concimati con sostanze chimiche o sintetiche, per cucinare e per farne tisane, medicamenti o cosmetici. Ha ottenuto il permesso di raccogliere alchemilla, biancospino, borsa del pastore, crespino, eufrasia, olivello spinoso, prugnolo, rosa canina e, in più, d’estate sfalcia i prati per raccogliere il fieno, che è riuscito a far certificare come “Fieno d’alta montagna Sudtirolese”. Durante l’essiccazione l’inebriante profumo delle 40 diverse qualità si confonde con quello del legno stagionato.CC-2016.03.07-Siegi-001.jpgSiegi è noto anche per allestire, ogni estate, una specie di palcoscenico sul tetto del suo maso, destinato ad ospitare concerti. Questa iniziativa ha un nome: Stilfs Vertikal, Stelvio Verticale.
Nel maso, e nella Stube, accoglie anche gli ospiti ai quali fa assaggiare le sue proverbiali tisane e qualche bicchiere di Blauburgunder, di Traminer o di grappa con erbe capace di resuscitare i morti.
Molti vengono ad aiutarlo nel periodo della raccolta, in cambio Siegi offre vitto e alloggio. Vengono da Austria, Germania, Svizzera, Olamda e persino Finlandia. Dall’Italia se ne vedono ben pochi. Forse sono impegnatissimi in defatiganti cerchi di condivisione al ritmo del tamburo sciamanico per decidere se, dove, come, quando realizzare ecovillaggi dopo aver risolto i conflitti grazie ad un facilitatore.

Alberto C. Steiner

 

I nostri servi ci avvelenano mentre giochiamo a mosca cieca nei giardini reali

“Sono tanto semplici gli uomini, e tanto obediscano alle necessità presenti, che colui che inganna troverà sempre chi si lascerà ingannare” scrisse Niccolò Machiavelli nel capitolo XVIII de Il Principe, e proseguendo nella lettura vedremo come questa citazione sia pertinente all’argomento.CV 2017.03.08 Servi 005.jpegÈ nata l’ennesima professione inutile emergente, il personal shopper per cuochi: si incarica di consigliare e scegliere i prodotti bio che il genio dei fornelli trasformerà in gustosi e creativi manicaretti.
Siamo certi che siffatta collaborazione irrobustirà ulteriormente l’ego di certi cuochistar, e del resto possiamo capire che tra libri, interviste, presenze televisive costoro non abbiano certo il tempo di fare la spesa. Ci viene il rovello se ne avanzino per cucinare ma forse, novelli Michelangelo a bottega, passano tra gli allievi osservando, annusando, redarguendo e apportando correzioni con il loro sapiente tocco, pronti alla sfuriata come l’irascibile artista di Caprese.
E, a proposito di cuochi d’alto bordo, ricordiamo l’intensa interpretazione cinematografica che del cuoco François Vatel rese Depardieu. La vicenda si conclude tragicamente: questo coscienziosissimo genio della cucina, non essendo giunte per tempo le preziose ostriche di Normandia ed essendo egli ormai disgustato del proprio lavoro e delle dinamiche cortigiane, si toglie la vita.
In ambito militare, e rapportata all’epoca, la vicenda avrebbe sicuramente meritato un’onorificenza, va da sé alla memoria, la cui motivazione iniziata con le parole: “Comandante di nucleo di cucinieri, nel corso di una difficile operazione con perizia e intelligenza concorreva con le forze alle sue dipendenze …” si sarebbe inevitabilmente conclusa con: “… sino all’estremo sacrificio, inferto di propria mano pur di non subire l’onta del disonore. Fulgido esempio di abnegazione e senso del dovere. Castello di Chantilly, Francia, 1671.”
E pensando alla similitudine militare, vale la pena di riferire come nelle caserme si vociferasse di un’amena pietanza destinata ai superiori ritenuti stronzi: la bistecca dell’ufficiale. Essa bistecca sarebbe stata dapprima battuta, non con il batticarne bensì con la suola di un anfibio (usato, è ovvio), poscia lavata con ammoniaca, candeggina o altro grazioso detergente. Riferisce la vulgata che il corrosivo liquido venisse rimosso sotto un breve getto d’acqua corrente, il sapore della carne venisse esaltato da urina e sputi, e che la bistecca trovasse infine dignitoso olocausto in abbondante burro pronto ad accoglierla spumeggiando come il mare che ci donò Venere.
Ed eccoci al punto. Noi oggi non solo mangiamo inconsapevolmente la bistecca dell’ufficiale, ma siamo come quei nobili e cortigiani protagonisti e comprimari del film, che organizzano cacce al tesoro e mosche cieche in lussureggianti giardini fra oscure trame di corte e ancillari, stringendo alleanze per far la guerra all’Olanda di turno: in fondo, ora come allora, sono in gioco le nostre Terres d’Outre-mer dove chi produce ciò di cui ci alimentiamo patisce sfruttamento e fame.CV 2017.03.08 Servi 001Nel frattempo noi, gioiosi e giocosi, sperperiamo a man bassa le sempre più scarse risorse di cui disponiamo evitando, poiché non è un atteggiamento regale, di occuparci seriamente dell’amministrazione dei nostri beni. Intanto i nostri dipendenti, fiduciari, vicerè, governatori e persino servi ci tengono in pugno avvelenandoci e sottraendoci i risparmi senza che nemmeno ce ne rendiamo conto.
Trascorsi alcuni decenni il popolo non avrà il pane e noi suggeriremo “S’ils n’ont plus de pain, qu’ils mangent de la brioche!” e, anche se l’affermazione pare sia un falso, ci sta. Poi ci taglieranno la testa, fine del film. Ma questa volta niente titoli di coda, ressa all’uscità, pipì, caffè, sigaretta.
Un po’ metafora e un po’ no, questi pensieri sparsi vogliono riportare al concetto che, né più né meno, stiamo mangiando, letteralmente, merda. Sai che novità, dirà qualcuno.
No, non è una novità, ma fingiamo di non rendercene conto presi come siamo a giocare agli ecobiobau da salotto, ai consapevoli da baraccone che leggono con aria da intenditori le etichette di vini delle terre del conte piripicchio, con vigneti impiantati su una ex-discarica1, o dei ravioli della nonna prodotti da multinazionali del food & beverage. E ciò non riguarda solo prodotti voluttuari come gamberetti per i nostri cocktail, bollicine per l’aperitivo, merendine o schifezze modaiole a base di pesce crudo (vedasi immagine sottostante e questo link correlato). No, riguarda anche i beni primari destinati all’alimentazione: farine, cereali, ortaggi, carne per chi ancora ritiene di consumarne.CV 2017.03.08 Servi 004Intendiamoci, stiamo riferendoci ai comportamenti di massa, e non è che nei bei tempi andati da taluni tanto vagheggiati le cose funzionassero diversamente, basta ricordare le vittime, arse sul rogo, fra tante poverette che, letteralmente, allucinate da un parassita della segale vaneggiavano di congiunzioni carnali con il Maligno ed altre nefandezze. O quelle mietute in tempi anche recenti da scrofola, pellagra, malaria ed altre malattie dovute all’alimentazione insufficiente e malsana, alla vita in indecorosi tuguri e alle prime coltivazioni intensive in aree piemontesi e pavesi in terreni non sufficientemente permeabili. Ne tratteggia uno sconfortante quadro Eravamo poveri, torneremo poveri, il tremendo libro di Giampaolo Pansa che parla della vita nelle nostre campagne a cavallo fra Ottocento e Novecento. Allora c’erano gli alibi dell’ignoranza e del degrado, e oggi?
Ma chi sarebbero, nell’accezione di questo scritto, i “servi”? La risposta è: tutti coloro che dovrebbero essere al nostro servizio a partire dai coltivatori passando per i trasportatori, i trasformatori, i commercianti per terminare con chi fornisce il sostegno finanziario e con gli organismi legislativi e di controllo. Tutti coloro, quindi, che dovrebbero lavorare per noi con dedizione, professionalità, trasparenza e onestà; in un ambito allargato nessun compito, nessun passaggio sarebbero inutili, in una sana logica di mercato. Ciò che invece non solo è inutile, ma anche dannoso, è il concetto che il guadagno non debba essere giusto o etico ma il prodotto di furbizie, vessazioni, frodi e sfruttamento di terre e persone.CV 2017.03.08 Servi 003.jpgIn questo senso i nostri “servi” sono coloro ai quali permettiamo di tenerci in scacco complottando a danno della nostra salute e del nostro portafogli, oltre che delle sorti del pianeta, a nostro parere forse non irrimediabilmente bensì auspicabilmente segnate, così si finisce una volta per tutte con il culo per terra, ci si osserva per ciò che si è realmente, si riparte da capo e non se ne parla più.
Si potrebbe osservare che la filiera, chiamiamola così, è troppo lunga. Vero, ma essa non può comprimersi in assenza della compressione di una domanda di massa superficiale, viziata, tendente al superfluo, al malsano, al fuori stagione ed al minor esborso possibile.
“Come spendi mangi” chiosavano le nostre nonne, e queste tre parole esprimono magistralmente il concetto. Poiché sulle fragole a gennaio o sull’uva a marzo non occorre approfondire, ci limitiamo ad esemplificare attraverso il prodotto tradizionalmente considerato principe della tavola italiana: quella pasta di grano duro il cui prezzo al banco di vendita non supera i 58 centesimi al mezzo chilo. Il grano nazionale viene oggi pagato ai coltivatori 24 euro al quintale – quasi neppure il costo vivo alla produzione – dopo un drastico crollo dovuto all’arrivo nei nostri porti di analogo prodotto estero che ha stracciato il mercato e di cui non si sa praticamente nulla2: non dove e come sia stato coltivato, e soprattutto non in quali condizioni e per quanto tempo sia stato conservato. In alcuni dei paesi di origine era considerato prodotto di scarto buono per mangime o per concime, da noi serve per preparare pasta, prodotti da forno e derivati.
Escludiamo dal discorso la pasta bio realizzata con lino, legumi ed altre farine diverse da quella di grano e venduta al banco ad un prezzo variabile fra 1,80 e 2,70 euro alla confezione da 340 grammi, limitandoci a quella tratta, ipotizzando la sussistenza di tutte le garanzie sanitarie consentite ad un prodotto industriale, da farine tradizionali di ottima qualità. Il suo costo al banco può variare da 1,40 a 2 euro alla confezione da 500 grammi. Tolti coloro che da soli si scofanano mezzo chilo di pasta alla volta, la media dei consumi si attesta sui 70/80 grammi per persona: 2 euro ÷ 500 grammi = 0,004 euro/grammo x 80 grammi = 0,32 euro a porzione e, nell’ipotesi della pasta più economica: 0,58 euro ÷ 500 grammi = 0,00116 x 80 grammi = 0,0928. Un delta di 0,2272 euro a porzione. Considerando che secondo i dati Istat la popolazione nazionale residente in famiglia assomma a 59.132.045 individui su 60.783.407 e che ogni famiglia è mediamente composta da 3,42 persone ciascuno faccia i conti in base ai propri parametri: bambini, adolescenti, anziani, monogenitoriali, single, abitudini alimentari e via enumerando. In ogni caso quei 22 centesimi moltiplicati per 6,84 – nell’improbabile ipotesi che i componenti della famiglia Istat mangino pasta due volte al giorno – assommano a 1,4608 euro e fanno parte del prezzo della salute.
Non c’entra niente con la salubrità, ma un certo modello di telefono Galaxy costa 800 euro, che ammortizzati per soli 365 giorni, visto che l’anno successivo esce il modello nuovo e “bisogna” acquistarlo, fa 2,1917 euro al giorno, senza contare la variabile data dal costo di esercizio.
Decrescita, questa è la soluzione. E decrescita non significa “sviluppo sostenibile”, ossimoro degno della Settimana Enigmistica.
E quello che serve per decrescere, e che una sempre meno sparuta minoranza sta dimostrando di possedere, è una maturata coscienza: sono in costante crescita coloro che hanno assunto atteggiamenti onorevoli quali l’impianto di orti condivisi in città, la conservazione e lo scambio di semi, l’acquisto in cascina o anche solo la sempre maggiore attenzione dedicata alla lettura delle etichette.
Il boicottaggio ha fatto il suo tempo, pur con degnissimi esiti quali quelli conseguiti contro lo strapotere di Nestlè quando decise di entrare a gamba tesa nel business dell’allattamento. Non pensiamo inoltre che la messa al bando di produttori e intermediari scorretti o criminali possa avvenire mediante azioni pseudo terroristiche, ridicole oltre che controproducenti. Il mercato crea, il mercato distrugge. Lo sanno bene molti produttori che, osservata la crescita della domanda di prodotti naturali, stanno progressivamente affiancando alla produzione tradizionale quella biologica. Anche se non sono tutte rose e fiori, come si dice: non infrequentemente dietro certe etichette pseudobio c’è il prodotto tradizionale, spesso di scarsa qualità. Di passaggio, due osservazioni. La prima: pseudobio in quanto il prodotto sembra bio nelle allocuzioni usate per descriverlo ma non lo è, perché se venisse dichiarato come tale senza esserlo le sanzioni sarebbero pesanti. La seconda: un marchio che ci tiene al proprio nome ed alla clientela fidelizzata, queste cretinate non le fa.
Torniamo al “come spendi mangi”: è li che accade il moto rivoluzionario, nel momento in cui la scelta va a privilegiare produttori minori, locali, di provata onestà, aperti al dialogo e all’informazione, nella consapevolezza che non è possibile mangiar bene spendendo poco, anche se in tutta obiettività ci sentiamo di affermare che certe catene ecochic stiano esagerando con i prezzi. Crediamo che i più validi osservatori non siano i convegni ma i supermercati, e spesso accade di osservare che nel carrello, accanto alla pasta al minor prezzo campeggiano casse di bibite gassate e altri veleni.
E quindi è una questione di cultura.
Una maturata consapevolezza può comportare il diventare antipatici qualora al ristorante si dovesse chiedere conto degli ingredienti e della loro provenienza e senza escludere, fingendo di scusarci per esserci persi mentre cercavamo il bagno, di infilare di sfroso il naso in cucina giusto per capire se siamo in una clinica svizzera o in una cloaca.
Una maturata consapevolezza può ingenerare attriti con altri genitori qualora si pretenda che nelle mense di asili e scuole vengano utilizzati prodotti di qualità, realmente naturali e il minor quantitativo possibile, non solo di carne, ma anche di derivati animali.
Qualcuno potrebbe obiettare: ma esistono già organismi come i Nas e Altroconsumo che fanno le pulci a prodotti e produttori, e noi non abbiamo né il tempo né i mezzi per fare tutto questo, e poi tutto sommato non è che possiamo andare a cena con amici e fare la figura dei rompicoglioni, o inimicarci gli altri genitori a scuola. Ecco, a nostro avviso sono queste implicazioni a costituire la verità: essere fuori dal coro, sbattersi è faticoso, noioso, antipatico, può comportare la messa al bando. Meglio atteggiarsi, lamentarsi sui social, rilanciare post allarmistici ma non provvisti della necessaria base scientifica, partecipare a giornate in qualche cuccagnosa cascina ecobiobau per sentirsi a posto la coscienza mentre si marcia verso il baratro accodati al proverbiale pifferaio.CV 2017.03.08 Servi 002Quello che occorre, e di cui la nostra cultura storica onusta di santi, poeti e navigatori difetta, è un diverso atteggiamento verso la scientificità vera e non immaginata, attraverso un’adeguata riconsiderazione del ruolo di agronomi, biotecnologi, chimici, ingegneri, nutrizionisti piuttosto che di filosofi del verde o facilitatori nella risoluzione dei conflitti tra pisum sativum e cicoria pirolina, ed una ritrovata considerazione delle norme nazionali in materia alimentare, spesso ben più restrittive di quelle europee o di altri continenti.
E tenere alla bisogna presente, giusto per concludere, questa ulteriore citazione dal XVIII capitolo de Il Principe: “Dato che il leone non si difende dalle trappole e la volpe non si difende dai lupi, bisogna essere volpe per riconoscere le trappole, e leone per impaurire i lupi.”

Alberto C. Steiner

NOTE
1 – Non accade nella Terra dei Fuochi ma nel civilissimo Friuli: http://robertainer.blogspot.it/2017/03/quei-vigneti-inquinati-sul-carso.html?view=classic&m=1

2 – “Precotto, surgelato, ricotto. Magari con grano coltivato e lavorato fuori dai nostri patri confini: non mangiamo più pane (e facciamo bene)”. Interessante articolo pubblicato da Lacrepanelmuro.blogspot.

Rovetta: l’esperienza di un ecovillaggio bergamasco dedicato principalmente ai disabili

Il ristorante è frequentato anche da ecochic milanesi che, tra casoncelli e polenta e strinù, discettano di cambiare il mondo come i quattro amici al bar mentre persone portatrici di handicap sgambettano in cucina e fra i tavoli.CV 2017.03.04 Coop Alchimia 001.jpgQui non ci sono tamburi sciamanici, tenda dell’inipi o scambi di massaggi reiki per imparare come si fa a realizzare ecovillaggi, ma solo gente che, gentile con chi se lo merita, si è rimboccata le maniche: siamo nelle Orobie bergamasche, per la precisione a Rovetta, dove presso la Rèssa de Fï – la salita per Fino (Del Monte) nella lingua dei padri, anzi delle madri – in località Vecchio Mulino si incontrano i tornanti che da Cerete Basso portano a Clusone.
Qui, il giorno di ferragosto del 2015 un gruppo di volontari decide di realizzare un sogno, costituendo Alchimia, una Onlus con l’obiettivo di svolgere le attività che caratterizzano la vita quotidiana di un ecovillaggio, traendone il proprio sostentamento.
Gli intenti sono valorizzare il territorio, vivere applicando nella misura del possibile il concetto di decrescita e inserire lavoratori protetti
I destinatari del progetto sono soggetti in situazione di svantaggio fisico, cognitivo e psicologico purché in grado di essere inseriti in un contesto lavorativo.
Sulla base di una concreta progettualità l’attività lavorativa è vista come opportunità emancipativa e di accompagnamento delle persone svantaggiate in un percorso finalizzato alla crescita dell’autostima.
Nell’ecovillaggio Vecchio Mulino è stato creato anche uno spazio per bambini, destinato a sussidiare genitori che hanno imprevisti lavorativi e a bambini bisognosi di un sostegno scolastico.
L’ecovillaggio è anche un ristorante ed un albergo, e l’associazione Alchimia (nin nomen omen…) sta attivando progetti di valorizzazione del territorio mirando soprattutto all’housing sociale, pensato in particolare per padri separati in difficoltà, che possono fruire di vitto e alloggio collaborando nel recupero degli spazi verdi estesi per circa tre ettari nei quali sono in corso esperienze di agricoltura e micro allevamento a chilometro zero.
L’associazione è infine aperta al territorio, cercando di valorizzare gli aspetti culturali della valle in collaborazione con le associazioni locali.
Il reperimento dei fondi necessari all’implemento dell’attività è avvenuto nel modo più logico e pragmatico possibile: nessuna attesa della manna dal cielo fatta scendere da qualche politico locale, nessuna richiesta di assegnazione o regalia con il cappello in mano in nome di improbabili e stantie visioni “alternative” ma, come si conviene a dei bergamaschi di montagna, mano al portafoglio e mutuo concesso sul valore dell’immobile e del terreno, rilevati da una situazione compromessa, ed in base a concrete garanzie di una fattiva progettualità.

Alberto C. Steiner

Giornata delle Ferrovie Dimenticate: un insulto all’ecosostenibilità

Pubblichiamo, riprendendolo dal sito Archeologia Ferroviaria, questo articolo di Lorenzo Pozzi, appassionato studioso di trasporti su rotaia: un’analisi spietata ma realistica della Giornata delle Ferrovie Dimenticate.af-2017-03-02-ferrovie-dimenticate-001So che questo articolo attirerà consensi, ma anche critiche, degli amici esperti di Archeologia Ferroviaria. Ma quello che penso e, fino a prova contraria, non posso farci niente è che la giornata delle ferrovie dimenticate celebra, con la patente dell’ecosostenibilità, lo scempio delle ferrovie italiane.
Del resto è da quando mi interesso di trasporti su rotaia, si può dire fin da bambino, che sento ripetere la frase: “Il treno lo prendono studenti, militari, poveracci e sfigati” sottintendendo che “chi può” usa l’auto. E questo la dice lunga sull’importanza sociale e culturale che in Italia è da sempre attribuita ai trasporti pubblici.
Prima di scrivere questo articolo mi sono documentato, in particolare sui siti di Legambiente e Co.Mo.Do., Confederazione Mobilità Dolce, trovandovi affermazioni come questa: “Percorsi dove un tempo correvano i treni e che oggi sono stati sapientamente trasformati in piste ciclabili, sentieri pedonali e strade da percorrere anche a cavallo.” Sapientemente?
O questa: “In Umbria il percorso è quello che va da Spoleto a Norcia, il mitico ‘Gottardo dell’Umbria’, entrato in esercizio nel 1926 a trazione elettrica e chiuso nel ‘68. Su Ferroway e TRamway, i 51 km di tracciato passano attraverso un territorio accidentato, con una galleria di valico e varchi scavati nella gola del fiume Nera. In Toscana si fa trekking lungo la via della cremagliera da Saline a Volterra, uno splendido itinerario panoramico da godersi nel pieno silenzio.”
Questa è finta ecologia, quella che finisce per danneggiare l’ambiente. Non esistono giustificazioni né tecniche, né economiche, e nemmeno sociali per smantellare le sedi ferroviarie convertendole in piste ciclabili.
In Italia vi sono state vere e proprie mattanze di linee ferroviarie, a partire dagli anni ’30 del secolo scorso quando molte ferrovie (Menaggio – Porlezza, per dirne una) e tramvie interurbane furono convertite in servizi automobilistici: la Milano – Binasco – Pavia, per esempio, o quelle della bassa cremonese giusto per citarne un paio. Le decimazioni proseguirono tra la fine degli anni ’50 e il decennio successivo: Ferrovia delle Dolomiti, Ora – Predazzo, l’ineguagliabile Spoleto – Norcia, Voghera – Varzi, Piacenza – Bettola, valli Brembana e Seriana, Stresa – Mottarone, Intra – Premeno, per tacere delle tramvie, prime fra tutte Milano – Monza e Monza – Trezzo – Bergamo.
Il trucco è vecchio ma funziona sempre: si impoveriscono i servizi di una linea ferroviaria con orari senza senso e corse ridotte, assenti o sostituite da autoservizi. La domanda di trasporto inevitabilmente crolla e ciò giustifica la soppressione della linea.
Ma all’eliminazione di una ferrovia con una scarsa domanda, dovuta ad un’offerta scientemente pessima, non si risponde con una ciclovia. In Piemonte, dove in pochi anni è scomparsa quasi la metà delle ferrovie, soprattutto in quelle Langhe dichiarate patrimonio Unesco, nessun pendolare percorrerebbe in bicicletta i 45 km della Alessandria – Castagnole o i 52 della Asti – Castagnole – Alba. Ed ecco quindi gli autobus o l’auto privata, che rappresentano l’88% degli utilizzi e che vanno ad intasare strade già trafficate incrementando tempi di percorrenza, consumo di combustibili fossili, inquinamento, disagi.
La pista ciclabile è un giocattolo, va detto una volta per tutte. Ottima per trascorrere il tempo libero sentendosi ecotrendy. E dietro alla pista ciclabile, esattamente come per la caccia, c’è un impressionante indotto mercantile: bici, accessori, abbigliamento. Oltre alla costruzione delle piste stesse, che non infrequentemente sono costate come autostrade.
Tornando ai lampi di genio di Legambient e soci, questo merita una citazione: “In Lombardia, le iniziative più divertenti sono ‘Inseguendo il treno in bicicletta e a piedi’ che interessa la tratta Verona-Bologna e da Bergamo a Paratico lungo il percorso del Treno Blu.” A parte che la Verona – Bologna non è in Lombardia, un consiglio: seguite il treno, non anticipatelo. Soprattutto non in mezzo ai binari.
Non manca la citazione dei treni turistici di Fondazione FS lungo la cosiddetta Transiberiana d’Italia, la Sulmona – Carpinone, indicata come ferrovia molisana anche se da Sulmona a Castel di Sangro, cioè per il 60% del percorso, siamo in Abruzzo.
Non mancano, in verità, manifestazioni per promuovere la riattivazione di ferrovie dismesse, come la tratta Aosta – Pré Saint Didier o la Fano-Urbino, ma rappresentano una sparuta minoranza.af-2017-03-02-ferrovie-dimenticate-005E tutto questo fa venire in mente quanto siano lontane dalla mente di politici ed “esperti” la Val Venosta e la Merano – Malles, un ramo secco da meno di 200 passeggeri al giorno che oggi ne trasporta 6.000, con un servizio di noleggio di biciclette per raggiungere le valli laterali.
Questa è l’ecologia di cui abbiamo bisogno, non i vaneggiamenti faraonici di una ciclabile dalla Liguria al Lazio (La Stampa, 17 febbraio 2017).
“No alla pista ciclabile. Qui servono i treni” dichiaravano nel gennaio 2015 i sindaci dei paesi attraversati dalle dismesse Asti – Alba e Castagnole – Alessandria, ribadendo: “l’assoluta necessità del servizio ferroviario per la sua valenza storica e culturale e per la sua straordinaria attualità funzionale in chiave di valorizzazione turistica del territorio Langhe Roero e Monferrato insignito del riconoscimento Unesco” confermando che sono le ferrovie, e non le ciclabili, a svolgere un insostituibile ruolo per il trasporto pubblico locale e ad essere un prezioso elemento di sviluppo turistico (La Stampa 26 gennaio 2015).

Lorenzo Pozzi

Link all’articolo originale: https://archeologiaferroviaria.wordpress.com/2017/03/02/ferrovie-dimenticate-esistono-sono-quelle-locali-che-la-gente-prende-ogni-giorno/

Genius Lombardi: non si consumerà più suolo. Nel sottosuolo

Come difendersi dai milanesi di Elena Pigozzi, Giunti editore, è un esilarante libro che mette alla berlina alcuni tratti caratteristici dei cittadini ambrosiani. Da oggi ne consigliamo la lettura a geometri, architetti e ingegneri, anteponendola ad ogni intervento di recupero edilizio.cv-2017-03-01-lombardia-scantinati-001Perché la nuova legge regionale lombarda che rende abitabili i seminterrati, purché abbiano un’altezza minima di 2,40 metri, non fa ridere per niente pur non essendo, a nostro sommesso avviso, una cosa niente affatto seria. Specialmente se lo stesso Presidente dei Maroni dichiara: «È stata approvata una legge utile e importante, esattamente come fu quella contro il consumo di suolo ingiustamente accusata dalla sinistra di favorire il partito del cemento.»
E vogliamo mettere la chicca sul consumo del suolo? È ovvio che nel sottosuolo non vi sia consumo di suolo. Lapalisse gli fa una pippa, a questi.
Applausi da Assoedilizia, e non poteva essere diversamente: «Si tratta di una buona legge, che crea una boccata d’ossigeno per i proprietari in un momento di crisi e rende possibile reperire nuovi alloggio senza consumare nuovo suolo.»
Comitati Civici, ecologisti e M5S, infuriati, promettono azioni volte a sancire l’incostituzionalità della nuova norma.
Fino a 200 metri quadri relativamente ad annessi collegati ad unità lavorative, e fino a 100 per usi diversi, i 40mila seminterrati lombardi censiti potranno essere considerati abitabili, addirittura adibiti a bar e negozi. Però non a centri di culto, chissà mai che ci finisca una setta o una cellula di terroristi islamici. No, la verità è un’altra: i luoghi di culto godono di una tassazione agevolata.
E sarà possibile ricorrere a strumenti tecnologici adeguati qualora il rapporto aeroilluminante non risulti adeguato. Illuminante, anzi: da illuminati.
Da oggi chiunque possieda uno scantinato o un seminterrato potrà quindi commercializzarlo a prezzi di mercato come abitazione o spazio commerciale, beneficiando della plusvalenza gratuita costituita dall’attestazione di abitabilità ottenuta senza sanatorie o condoni. Un bel regalo, non c’è che dire, con buona pace degli aspetti igienico sanitari.
Peccato che sia ormai deceduta una nostra zia, che negli anni del dopoguerra e del boom economico affittava scantinati fetenti a prezzi “di favore”, e rigorosamente in nero, a compaesani pugliesi immigrati a Milano, anzi nella Stalingrado d’Italia. Povera donna: viveva costantemente nell’ansia che, nonostante il marito fosse stato per diverse legislature assessore (e non occorre specificare per quale partito, nella Stalingrado d’Italia) i vigili urbani le piombassero addosso come i dissennatori di Harry Potter per sanzionarla.
La legge è stata approvata a scrutinio segreto con 37 sì e 32 no e i comuni avranno 120 giorni di tempo dall’entrata in vigore della legge per escluderne parti del territorio dall’ambito applicativo per motivi di tutela paesaggistica, igienico sanitaria, rischio idrogeologico e difesa del suolo.
Sarebbe interessante conoscere il parere degli abitanti di Niguarda, che da decenni si ritrovano il pianterreno allagato in occasione delle frequenti esondazioni del Seveso. I pavesi di Borgo Ticino hanno invece una possibilità in più: oltre ai piani terreni, potranno riempire di ciarpame anche i seminterrrati che, debitamente assicurati, forniranno una fonte di reddito in occasione delle piene del Ticino.
Da ultimo: finora “i dueequaranta” erano stati ammessi per il recupero delle abitazioni montane. E questa è una buona notizia, significa che anche a Milano da oggi si respira aria di montagna.

Alberto C. Steiner

Coabitazione solidale come fonte di benessere: l’esempio di Trento

Tradizione e innovazione, in Trentino, si fondono costantemente, facendo del territorio un laboratorio sperimentale apprezzato a livello europeo.
cv-2017-02-28-trento-001In quest’ottica si colloca la Deliberazione 59 del 3 maggio 2016 del Consiglio comunale di Trento, che impegna Sindaco e Giunta ad avviare il censimento degli immobili di proprietà comunale non utilizzati e che possano essere destinati al riuso come unità abitative, selezionando quelli più idonei ad un progetto di abitare collaborativo privilegiando, tra le caratteristiche complementari rafforzative, il fatto che siano situati in aree cittadine che verrebbero valorizzate dalla riqualificazione degli edifici, che siano limitrofi a spazi verdi da destinare ad orti urbani e si trovino prossimi alla viabilità ciclabile.
Attuando la delibera il comune si impegnava ad avviare un’indagine conoscitiva per confrontarsi con realtà già attive in Italia e all’estero, coinvolgendo altri attori sensibili al tema e individuando possibili finanziamenti anche attraverso la partecipazione a bandi europei, per sperimentare progetti di cohousing mediante la messa a disposizione di immobili secondo idonee modalità idonee, tra queste il comodato trentennale gratuito.
Il passo successivo consiste nell’elaborare il nuovo PRG, Piano Regolatore Generale, dedicando azioni specifiche alle residenze solidali ed alla coabitazione, e favorendo tramite sgravi e incentivi il recupero del patrimonio edilizio privato al fine di accentuare la coesione sociale cittadina e la riqualificazione del tessuto esistente nell’ottica di “costruire sul costruito”, scongiurando così l’ulteriore consumo del suolo.
Per quanto ne sappiamo è la prima volta in Italia che un’amministrazione pubblica esce dalla stantia logica assistenziale e delle cooptazioni per meriti di fazione politica per affrontare pragmaticamente la questione con piglio imprenditoriale, finanziario e di tutela del territorio.
Ciò significa che privati, associazioni e cooperative, se vorranno che sia loro concesso un immobile, dovranno presentare progetti realistici, circostanziati ed in grado di autosostenersi economicamente.cv-2017-02-28-trento-003Degna di nota, inoltre, la particolare attenzione con la quale l’ammistrazione comunale sta osservando il fenomeno dell’invecchiamento della popolazione con l’intento di utilizzare le risorse costituite dal patrimonio di conoscenze degli anziani, non più considerati carne da ingrasso per il fatturato delle varie RSA ma portatori di insegnamenti a bambini e giovani.
Ciò significa intervenire sulla pianificazione e sulla riprogettazione degli spazi urbani, attualizzando nella pratica del cohousing due caratteristiche centrali della tradizione trentina: cooperazione e cura per il territorio, caratterizzando la trasformazione dei bisogni sociali di base, della casa e delle relazioni di vicinato.
Detto in altri termini, una visione globale in luogo della risposta sociale frammentata e caratterizzata da discontinuità assistenziale.
Effettivamente il cohousing si inserisce a pieno titolo nel contesto delle pratiche resilienti di sostenibilità e collaborazione civica, prestandosi ad essere esempio di innovazione sia sul piano delle politiche pubbliche sia su quello delle logiche economiche, con la possibilità di coinvolgere attraverso un’ottimale integrazione tra mercato, istituzioni e società civile, una vasta gamma di attori economici e sociali: cittadini animati da senso civico nella gestione del bene comune, associazioni, terzo settore e i diversi livelli della governance locale, anche in partnership pubblico-privato.
Rovesciando la logica tradizionale volta a intervenire sui casi problematici quando si sono ormai manifestati e promuovendo azioni ex-ante verso il disagio potenziale, in modo da ridurre i costi sociali e sanitari degli interventi indirizzati a problemi oramai conclamati, questo modello di cohousing sarebbe suscettibile di produrre benefici ai diversi livelli di complessità individuale-relazionale, comunitario e sociale rivelandosi espressione di un cambiamento nei servizi rivolti alla terza età.
Gli anziani, sottratti ad un ruolo passivo spesso accompagnato da senso di sfiducia, solitudine e sconforto, interagirebbero con giovani e adulti diventando protagonisti di un progetto di vita reale che crea alleanze permettendo di guardare al futuro con serenità.
Sul piano comunitario la soluzione rafforza la comunità intera, promuovendo l’esercizio della cittadinanza attiva, sostenendo la coesione e rinsaldando il sistema di relazioni sociali che anticamente innervarono il territorio.cv-2017-02-28-trento-002Trento può in questo senso vantare un modello che funziona, la Casa alla Vela, dove anziani e giovani già fruiscono di beni condivisi e servizi autoprodotti. Trattasi di un edificio costituito da tre appartamenti: i primi due accolgono 5 anziane parzialmente autonome seguite da due assistenti familiari, ed il terzo è abitato da 6 studenti dell’Università di Trento.
Le signore vivono insieme, escono liberamente, decidono il menu che l’assistente cucina per tutte e possono partecipare ad una serie di attività ed iniziative pensate appositamente per loro. Affitto, costi di bollette, spesa e assistente familiare sono divisi per cinque.
Gli studenti offrono parte del loro tempo per condividere momenti di relazione con le signore, conseguendo in tal modo la possibilità di ridurre i costi della loro permanenza a Trento svolgendo alcune mansioni utili alla casa, per le quali percepiscono una retribuzione. Qui il link al sito Percorsi di Secondo Welfare che ne parla in un articolo di Cinzia Boniatti e Enrico Bramerini pubblicato il 2 marzo 2015.
E, per concludere, la comunità scientifica è ormai unanime nell’inserire l’abitare collaborativo nella dimensione più concreta del benessere psicofisico.

Alberto C. Steiner

Gli asset del futuro? Acqua e cibo

Politica e finanza invece che di petrolio, inflazione, debito e tassi di interesse farebbero meglio ad occuparsi di acqua e cibo, che costituiranno i veri asset su cui investire per il futuro. È la tesi espressa dal nostro sito partner Consulenza Finanziaria in un articolo molto interessante, che accentua l’aspetto niente affatto etico delle attuali speculazioni finanziarie sui beni primari, in grado di realizzare performances spaventose nella totale indifferenza, in aree geografiche dove la gente muore, letteralmente, di fame.cesec-condivivere-2014-12-06-africa-001Il persistente livello di sotto-alimentazione, con le conseguenti ricadute economiche, sanitarie ed umanitarie, colpisce un terzo della popolazione mondiale, e tre quarti del cibo consumato nel pianeta sono costituiti da riso, grano e mais. In particolare, metà di tutto ciò che mangiano i 7 miliardi di esseri umani – compresi noi dei paesi ricchi – è rappresentato da riso.
Ma l’efficienza produttiva e lo sfruttamento del terreno variano considerevolmente fra paesi avanzati e arretrati. Un esempio aiuta a comprendere la situazione: se negli Stati Uniti della metà del XX Secolo 1 ettaro produceva 2 tonnellate di cereali ed un contadino poteva lavorarne circa 25 con una produzione annua di 50 tonnellate oggi, grazie a miglioramenti nella tecnica e nell’irrigazione, la produttività consente di lavorare 100 ettari con una produzione annua di 1.000 tonnellate per contadino.
Nell’Africa sub-sahariana, invece, 1 ettaro produce quasi 700 chili di cereali ed ogni contadino lavora in media 1 ettaro, producendo quindi solamente 700 chili annui, in prevalenza destinati prevalentemente all’autoconsumo.
Si direbbe inoltre che la domanda di cibo proveniente dalla Cina costituiscano la vera questione. Se lo sviluppo cinese, e conseguentemente la sua domanda mantenessero il ritmo attuale, nel 2030 quel paese, che oggi sta già importando il 25% della soia mondiale per nutrire i suoi 500 milioni di maiali ed i suoi 5.000 milioni di polli, abbisognerebbe del 70% della produzione mondiale di frumento e del 75% di quello di carne. La Cina deve, e dovrà, nutrire il 20% della popolazione mondiale disponendo solo dell’8% della terra coltivabile mondiale. Con lo sviluppo dell’industria e lo sfruttamento intensivo dei terreni, ogni anno Pechino perde un milione0 di ettari coltivabili e quantità enormi di acqua.
Per fare un raffronto, ogni cinese dispone oggi di 0,15 ettari, a fronte di ogni statunitense che può beneficiare di 1,5 ettari.
Altro grave, anzi gravissimo problema – che abbiamo più volte denunciato, per esempio nell’articolo  Land Grabbing e vergini dai candidi manti pubblicato sul vecchio blog il 29 novembre 2013) è costituito dal Land Grabbing. I dati sono controversi perché, va detto, abbiamo a che fare con vere e proprie organizzazioni criminali che sostengono, spesso ricorrendo all’uso delle armi, l’accaparramento delle terre nei paesi dell’Altro Mondo, quello che oggi è povero e che è destinato a divenire sempre più povero per soddisfare iu bisogni dei paesi ricchi.
La Banca Mondiale stima che nel periodo 2007-2010 56 milioni di ettari siano stati oggetto di land grabbing, mentre la National Academy of Sciences degli USA dichiara che le appropriazioni assommano a 100 milioni di ettari e l’Ong Oxfam afferma che si tratti di ben 200 milioni di ettari, due terzi dei quali si trovano in Africa.
Un terzo delle terre sarebbe usato per coltivare alimenti (esportati nel paese dei nuovi proprietari), un terzo per agro-combustibili, un terzo come foreste, legno e fiori, questi ultimi utilizzati principalmente per ottenere i cosiddetti crediti di anidride carbonica compensativi delle emissioni nei paesi acquirenti.terra-africa-001Riteniamo utile riportare, in proposito, due citazioni. La prima, inquietante, dal nostro articolo sopra menzionato: “Oltre il non profit, c’è un settore che punta a coniugare reddito, etica e sostenibilità. L’articolo, pubblicato dal settimanale Il Mondo del 22 novembre con un sottotitolo dal sapore vagamente inquietante di slogan: Siamo utili, e facciamo utili ci fornisce lo spunto per parlare di un argomento che da gran tempo, in particolare da quando a Milano ed in altre città italiane si è tenuto il Forum della finanza sostenibile, è nelle nostre corde. Vale a dire, quando la finanza dai denti a sciabola indossa l’abito di scena etico e solidale. Che lor signori, come scriveva l’indimenticato Fortebraccio, facciano utili è pleonastico. Se siano utili è altrettanto induscutibile: in questo scritto cercheremo di portare il nostro contributo per stabilire a chi siano utili.”
La seconda citazione, significativa poiché pone l’accento sulla reale capacità di autodeterminazione delle ex-colonie africane, proviene da un altro nostro articolo, L’Africa morirà. Questo come la fa sentire? Non colpevole, pubblicato anch’esso sul vecchio blog il 6 dicembre 2014: “Accade di parlare della devastazione di cui sono preda i paesi del Sud del mondo e, inevitabilmente, il discorso vira puntando ai sensi di colpa che attanaglia certi occidentali: colpa nostra se sono ridotti così, li abbiamo per secoli colonizzati, sfruttati, ridotti in schiavitù.
Per quanto mi riguarda mi dichiaro non colpevole. Penso anzi che per certi aspetti l’epoca delle colonie fu migliore di quella attuale, almeno le cose erano chiare e non esistevano democrazie di paglia, in realtà feudo di satrapi locali fantocci rapaci e feroci nelle mani di istituzioni finanziarie internazionali. Meglio ancora se li avessero lasciati in pace, ma questo è un altro discorso.
Oggi assistiamo ad una nuova colonizzazione di quei paesi, perpetrata da paesi che furono a loro volta colonizzati: e trattasi di una colonizzazione senza né pudore né ritegno, che va sotto il nome di land grabbing.”
Ma quali sarebbero i prodotti agricoli più coltivati? Soia, canna da zucchero, mais, olio di palma. Detto in altri termini, le terre africane sono considerate una soluzione a basso costo dei problemi altrui.
Vale a dire dei problemi dei paesi nei quali lo spreco di cibo è la norma, in proporzioni sempre più insostenibili: secondo l’Institution of Mechanical Engineers del Regno Unito, la produzione annua di cibo è di 4 miliardi di tonnellate, ma a causa di sistemi di raccolta, immagazzinamento e trasporto carenti, sprechi del mercato e dei consumatori, tra il 30 ed il 50 per cento dell’intera produzione alimentare mondiale (una quantità compresa fra 1,2 e 2 miliardi di tonnellate) non viene consumata.
Enormi quantità di terra, energia, fertilizzanti, acqua sono inoltre sprecati e persi durante la produzione di prodotti alimentari, che finiscono nei rifiuti.
Le cause variano in base alle regioni: nei paesi dell’Altro Mondo mancano infrastrutture, sistemi di stoccaggio e refrigerazione, trasporti adeguati. Se in Cina la percentuale di riso persa è pari al 45% del raccolto e in Vietnam dell’80%, nei paesi ricchi il cibo viene “dimenticato” in frigoriferi e banchi dei supermercati.
Studi della FAO indicano che in Europa e negli Stati Uniti il consumatore medio spreca 100 chili di cibo l’anno, contro i 10 chili del consumatore asiatico; i consumatori dei paesi ricchi sprecano ogni anno 100 milioni di tonnellate di cibo (un quantitativo superiore all’intera produzione dell’Africa Nera), e in particolare si stima che negli USA il 40% del cibo venga gettato. La spazzatura è la metafora del mondo di sopra, che spreca, e di quello di sotto, che muore di fame.cvfoto-sudanIl business del cibo (agricoltura e produzione) costituisce il 6% dell’economia mondiale, ma il 43% della popolazione mondiale attiva, circa 1,4 miliardi di persone, è fatto di agricoltori. Demografia, peso economico, necessità reale sono molto lontani e sembra non riescano a trovare un decente punto di incontro ed equilibrio. Chi ha terra coltivabile di buona qualità e disponibilità di acqua avrà cibo a sufficienza per nutrirsi; il valore di questa buona terra potrebbe aumentare in modo significativo.
E c’è da scommetterci, come scrivemmo per l’appunto quattro anni fa: il cibo e l’acqua saranno sempre più al centro di politica e finanza. Oltre che delle missioni militari “di pace”.

Alberto C. Steiner