Edilizia 4.0: no, Mago Merlino non lavora qui

Più che una new way of life sembra una new way of living-room. La rappresentazione dell’edilizia quattropuntozero, tutta BIM, Building Information Modeling, stampanti 3D e deliri di case popolari alte fino al cielo e cablatissime non è più affidata agli architetti.
Il protagonista, sempre sorridente, bello e macho come Paul Newman al massimo del suo splendore, è un ingegnere in camicia bianca, non a scacchi, desueta ed indossata ormai solo dai pensionati dei NOCS, Nuclei Osservatori Cantieristici e Suggeritori.
Completano la mise cravatta allentata tinta unita, preferibilmente stretta e scura, ed elmetto giallo. Sottobraccio, l’inevitabile rotolo con disegno di progetto e, pur essendo la scena ambientata in cantiere, senza la benché minima piegolina e candido siccome un giglio.
Non fatevi trarre in inganno: quell’ingegnere non sta lavorando, lo hanno assunto perché si distragga dopo la tragedia che ha colpito la sua famiglia.
È da poco rimasto vedovo: la moglie era la mamma del Buondì Motta, quella dell’asteroide.Shanghai city network technologyAllo stato dell’arte l’Edilizia 4.0 è una chimera con scarsissime possibilità applicative, ed in questo articolo ne espongo le ragioni.
Ancora nel 2016, esattamente il 27 aprile, l’allora Presidente dell’ANCE Claudio De Albertis, nel corso di un’audizione alla Camera dei Deputati affermava come l’attività nel settore delle costruzioni sia complessa e caratterizzata da un modo completamente diverso di industrializzare i processi rispetto a qualsiasi altro genere di attività industriale.
Lo prova il fatto che il settore si sia adattato al sopraggiungere di obblighi di legge piuttosto che di nuovi scenari del mercato semplificando al massimo la propria organizzazione, ma senza mai fare propria una visione strategica.
Ciò deriva precipuamente dal fatto che l’ossatura del sistema non siano i pochi colossi ipertecnologici, superfinanziati e maestri in pubbliche relazioni, ma imprese piccole, ed anche minime, assolutamente non in grado, in ragione del livello culturale dei loro esponenti e della modesta capacità finanziaria, di adeguarsi al cambiamento in atto.
Lo stesso cambiamento che nell’ultimo ventennio si è reso evidente in massima parte per la sostituzione dei muratori bergamaschi con quelli egiziani e dell’est europeo.
Lo stesso concetto del costruire, escluse innovazioni che spesso riportano al passato, è e ancora per decenni sarà connotato da tecniche e materiali consolidati da secoli di pratica, dove a mutare possono essere la mescola della malta cementizia, l’aggiunta in misura maggiore o minore di elementi resilienti, antimuffa, non soggetti nel tempo a mutamento dimensionale e via enumerando in un elenco di prodotti e soluzioni tecnologiche oggettivamente sterminato, specialmente nel campo delle componenti: lattonerie, ferramenta, infissi, serramenti, pavimentazioni, intonaci, rivestimenti, mastici, componenti elettriche ed idrauliche, generatori di calore ed altre che interessano complessivamente quasi ottanta settori produttivi.
Va detto che gli operatori sono, in linea di massima, più propensi rispetto al passato a prendere in considerazione nuovi concetti edilizi legati ad una maggiore attenzione alla sostenibilità ambientale. Ma ciò è prevalentemente dovuto, oltre che alle norme legislative, alle richieste dei clienti, specialmente di quelli privati che ancora oggi costituiscono il nerbo della domanda cantieristica. Ripeto e sottolineo: tuttora costituita nella quasi totalità da piccole e medie imprese, con assoluta prevalenza di quelle artigianali e individuali.
Considerato lo scenario sin qui descritto appare pertanto quanto mai problematico coniugare soddisfacimento della qualità, anche manageriale, unito al rispetto di tempi e costi preventivati e ad una comunicazione globale fra operatori, referenti, e persino interferenti, vale a dire certi organismi pubblici che sembrano spesso esistere esclusivamente per autocertificare la propria esistenza in vita, creando a non finire problemi normativi, procedurali e persino umorali invece che promuovere ed individuare soluzioni.
Grande sfida, quindi, quella che dovrebbe condurre la filiera delle costruzioni da un’anarchica parcellizzazione di compiti, responsabilità e filosofie gestionali ad un governo comune del processo produttivo. Ad adottare persino la stessa lingua, in una Babele dove il cambiamento radicale di una visione che abbandoni l’individualismo sfrenato per trasmigrare a un nuovo modello fondato sull’integrazione collaborativa, assomiglia molto ad una visione utopistica.
La stessa metodologia che, prevedendo l’utilizzo di software dedicati, consente l’informatizzazione del processo edilizio, la rappresentazione digitale dell’opera nel corso del suo intero ciclo di vita dalla progettazione alla realizzazione, dalla manutenzione alla dismissione, vale a dire il BIM, Building Information Modelling, è ormai caricata di valenze magiche ed apotropaiche, quando non addirittura divinatorie.
Lo strumento permette indubbiamente molteplici profondità di dettaglio, consentendo di ottenere significativi benefici: dai minori tempi di realizzazione ad una maggiore rispondenza dell’opera alle esigenze del committente, da un maggiore rispetto dei preventivi ad una più elevata qualità dell’opera.
Però si scontra con un dato di fatto – che rientra nella fattispecie dell’allegra anarchia cui si è accennato – ovvero che in cantiere nessuno, dopo aver dato loro un’occhiata di massima, ha mai seguito i disegni. Nè mai lo farà. La frase: “Geometra/architetto/ingegnere, si che li ho visti i disegni, sono di là nell’armadietto.” è un classico. E spesso i vecchi volponi senza lauree ma con anni di esperienza sul groppone hanno irrobustito, consolidato, risparmiato materiali, esposto in misura minore a sollecitazioni, corrosione, umidità, ponti termici.
Dispiace dirlo ma chi vagheggia di Bim, quattropuntozero, normative che rischierebbero di far trascorrere la gran parte del tempo al pc invece che tra foratoni, scossaline e ferri, in cantiere c’è stato solo in visita guidata. Indossando elmetto lucido, badge, vestitino della festa e, giusto per riecheggiare i tempi del college, scarpe Penny Loafer.cc 2019.01.30 edilizia 4.0 001Certo, è assolutamente vero che oggi in Bim mode si realizzano le più importanti opere architettoniche ed ingegneristiche mondiali. Sono quelle partorite da imprese e studi con stuoli di architetti, ingegneri, galoppini.
Lo ha provato un’indagine, svolta proprio dall’ANCE nel 2017, che ha appurato come nel settore la conoscenza del Bim e delle sue procedure, maturata anche mediante corsi dedicati, si attesti in prossimità dell’80% degli addetti. Ma nella pratica gli utilizzatori sono in percentuale drasticamente ridotta: non superano il 20 per cento.
Un altro aspetto che sfugge ai propugnatori di cantieri da mulino bianco è che in cantiere non ci sono nè spazio, nè tempo, nè possibilità di consultare costantemente il tablet, di essere pronti a cogliere i gracidii del palmare o del telefono. Non si può lavorare con la faccia incollata ad un monitor e non si possono indossare cuffie, se non quelle antirumore. Altrimenti si rischia la pelle.
E questo senza disconoscere tutta una serie di benefici dati da un utilizzo coordinato e condiviso da tutte le figure tecniche, interne ed esterne all’azienda, ciascuna per la propria parte di competenza.
Esiste inoltre un aspetto, tipico di un’edilizia sottosviluppata e comunque arretrata come concetto, che nello Stivale è particolarmente marcato: il consumo del suolo.
L’ISPRA, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale fornisce i dati: nel 2018 54 chilometri quadrati letteralmente mangiati da nuove edificazioni. E l’Italiland dei massimi sistemi se ne frega.
Le uniche che non lo consumano sono, paradossalmente, le piccole imprese artigiane che operano prevalentemente nel settore delle ristrutturazioni, non certamente quelle che sventrano interi quartieri per ridisegnarli.
l’Internet of things, la gigabit society, le smart city non costituiscono affatto l’unico modello economicamente e socialmente sostenibile ma, risorse digitali o meno, contribuiscono alla corsa verso il disastro ambientale.
La lista degli interventi possibili, in edilizia, è piuttosto lunga, soprattutto relativamente a talune criticità in tema di nuova edilizia, di recupero urbanistico e, conseguentemente, di inclusione sociale e competitività.
Ma il settore è pieno di paradossi, di tranelli che sembrano messi lì apposta per rendere difficile la vita di chi in cantiere ci vive.
Un esempio? Il decreto 164 del 2014, il cosiddetto Sblocca Italia. In sede di conversione del DL 133/2014, venne inserito, con l’Articolo 6-ter Comma 2, l’Articolo 135-bis nell’ambito del T.U. sull’edilizia (DPR 380/2001) che regolamenta le norme per l’infrastrutturazione digitale degli edifici.
In sostanza l’obbligo di prevedere, con decorrenza 1° luglio 2015, all’interno dei nuovi edifici o in caso di profonda ristrutturazione (Articolo 10, Comma 1, Lettera C), un’infrastruttura fisica multiservizi “passiva costituita da adeguati spazi istallativi e da impianti di comunicazione elettronica ad alta velocità in fibra ottica fino ai punti terminali di rete”.
Obbligo che l’Articolo 8 del successivo DL 33/2016 ha esteso a tutti gli edifici esistenti che, ove già dotati di un’infrastruttura fisica multiservizi, sono obbligati a fornire accesso agli operatori di rete che ne fanno richiesta “secondo termini e condizioni eque e non discriminatorie, anche con riguardo al prezzo”.
Nel caso in cui sorga una controversia, l’Articolo 9 del suddetto decreto stabilisce che ci si possa rivolgere all’Autorità garante per le comunicazioni, individuata quale organismo competente per la risoluzione delle controversie tra operatori di rete e gestori di infrastrutture fisiche.
O tra operatori di rete che, nel pieno rispetto del principio di proporzionalità, adottino una decisione vincolante per risolvere la controversia “anche in materia di fissazione di termini e condizioni eque e ragionevoli, incluso il prezzo, ove richiesto, secondo le procedure di cui alla delibera 449/16/Cons”.
Interessante, vero? E soprattutto comprensibile, di immediata applicabilità e fondamentale per l’attività di cantiere. Peccato che l’Autorità indicata non rivesta nessun ruolo consultivo nell’ambito indicato e, anche ove lo rivestisse, dovrebbe nominare esperti e periti per capirci qualcosa. Immaginatevi i tempi biblici di definizione, con il cantiere bloccato e gli inevitabili costi finanziari. Per cosa? Per uno spazio mjunito di portelli di ispezione destinato ad ospitare cablaggi. Il risultato? Ciascuno fa come gli pare.
E mi sono limitato a citare un esempio da operetta, non ho parlato di inerti o smaltimenti.
Se si vuole che l’implemento dell’edilizia 4.0 tocchi la maggior parte delle attività edilizie e non, come oggi può avvenire, solo la ristretta fascia delle grandi imprese, esso dovrà quindi preliminarmente partire da un quadro normativo favorevole alla realizzazione delle infrastrutture, anche mediante la semplificazione degli oneri amministrativi, economici, tecnici.
Diversamente, parlare di incentivi, smart city e internet of things costituisce solo un vistuosismo accademico. Lo dimostrano del resto, anche relativamente ai grandi numeri, i pochissimi progetti di ampio respiro di riqualificazione o di recupero edilizio che non siano nella realtà dei fatti solo nuove edificazioni. Diversamente da quanto accade invece nella tanto vituperata Europa.
Siamo sempre, come si dice, nel campo delle cento pertiche: si dialoga sui massimi sistemi dimenticando come la ripresa, nel settore dell’edilizia, debba inderogabilmente passare attraverso la riqualificazione del patrimonio residenziale esistente, vale a dire i condomini, che secondo i dati Istat sono oggi circa un milione e coinvolgono oltre 10 milioni di famiglie.
Se è vero che Edilizia 4.0 costituirà una rivoluzione, questa rivoluzione dovrà coinvolgere in primis le famiglie ed il loro benessere.
Per esempio attraverso l’implementazione di sistemi di risparmio energetico e controllo dei consumi, che oltretutto con la massima semplicità conducono sulla via di un’edilizia maggiormente sostenibile.
Basterebbe riuscire a percepire il condominio come macchina energetica, costituita, oltre che dai materiali con cui è realizzata, anche da una serie articolata, complessa e interdipendente di impianti elettrici, di trasmissione dati, di riscaldamento e di produzione di acqua calda sanitaria, di distribuzione dell’acqua e di condizionamento dell’aria, di gestione dei rifiuti. Esistono già soluzioni tecnologiche, intelligenti, innovative ed ecosostenibili, che possono consentire gestione, monitoraggio e dialogo in tempo reale.
Conseguendo notevoli benefici in termini di contributo fiscale, ed evitando magari che in caso di gelo plateatici e rampe dei box non possano essere cosparsi di sale perché tutti credevano che ad occuparsene avrebbe dovuto essere qualcun altro.

Alberto Cazzoli Steiner

È sarda l’alchimista che ha saputo trasformare gli scarti in oro

Daniela Anna Ducato: era assolutamente sconosciuta ai più quando, il 10 marzo 2015, ne parlammo nell’articolo Dal letame nascono i fior. Di aziende pubblicato sul vecchio blog.
Fu in occasione della Giornata della Donna, quando Sergio Mattarella le conferì la nomina a Cavaliere “per avere offerto testimonianza, con la sua attività di trasformazione degli scarti in innovativi materiali edilizi, di come l’impegno imprenditoriale possa essere d’ausilio alla causa della tutela ambientale.”cc 2019.01.28 ducato 001La sua Edizero Architecture for Peace ha sede a Guspini, Medio Campidano, censita come l’area più povera d’Italia e Daniela Anna Ducato, grazie al sapiente utilizzo degli scarti, che lei preferisce definire eccedenze in una logica di celebrazione dell’abbondanza, ha impiantato sei aziende e creato alcune centinaia di posti di lavoro.
Ne riparliamo a distanza di tre anni (anche sulla nostra pagina Facebook Centro Studi Ecosostenibili) perché la prestigiosa rivista Fortune ha certificato la Ducato donna più innovativa d’Italia, nell’ambito di una classifica delle donne in grado di cambiare il mondo.
“Ho iniziato con la lana di pecora, quella a pelo corto, uno scarto di lavorazione, un rifiuto difficile da smaltire, e l’ho trasformata in un isolante termico per l’edilizia, ma anche in una straordinaria spugna per assorbire il petrolio nel mare” ha dichiarato l’imprenditrice. E dopo la lana il sughero, e poi la canapa, e ancora le vinacce e le bucce di pomodoro: “Cento sostanze da buttare diventate 120 biomateriali da impiegare in tanti settori. Non scarti, semmai scarti preziosi, ma preferisco eccedenze, dà il senso dell’abbondanza, di un dono. Cerco di trovare una funzione a ogni cosa.”
L’imprenditrice è dell’opinione che la vera povertà siano l’incapacità delle istituzioni di ascoltare il territorio, l’assistenzialismo, lo spreco di risorse, la svalutazione dell’esistente.
E che innovare significhi non rassegnarsi, valorizzando quello che c’è invece di agognare improbabili progetti faraonici trappole travestite da Green Economy1 dietro la quale si muovono imprenditori che sfruttano solo i fondi messi a disposizione senza offrire in cambio nulla, nè ecosostenibilità nè lavoro.
Nel corso di questo 2019 Daniela Anna Ducato esplorerà nuove vie: “Mi occuperò di alta formazione nella progettazione con le Università di Cagliari e Sassari. E mi dedicherò a produzioni differenti nel settore del cibo. Ammetto che da un lato sono preoccupata, ma dall’altro so che è giusto cambiare. È sempre utile mutare prospettiva, modo di vedere le cose.”

Alberto Cazzoli Steiner

cc 2019.01.28 ducato 002NOTA – 1 – Relativamente a quella che chiamammo “la finanza dai denti a sciabola con il vestitino sostenibile” ecco una selezione di articoli che pubblicammo sul vecchio blog:
7 novembre 2013 – Onoriamo il Lupo, per noi è un animale veramente Sacro. Soprattutto se parliamo di finanza
21 ottobre 2014 – Chi sostiene la finanza sostenibile

Matera: sarà anche di Boeri, ma la nuova stazione è un babà

Il 20 giugno dell’anno scorso il Corriere della serva titolava, trionfalmente come si conviene alle opere pubbliche che fanno spendere inutilmente un sacco di denari: “Matera, la stazione di Boeri collega al mondo la capitale della cultura 2019.”cc 2019.01.21 matera 001Palle per palle, avremmo di gran lunga preferito quelle di Mozart, ma tant’è. Infatti qui parliamo solo della stazione ferroviaria, non dell’assegnazione al capoluogo lucano del ruolo di capitale della cultura. Non sono fatti nostri.
L’estensore dell’articolo, prima ancora di prostrarsi nelle lodi di prammatica a Stefano Boeri, archistar del giardino verticale, non manca di rilevare come il capoluogo lucano sia noto in Italiland per essere l’unico non servito dalle Ferrovie dello Stato. Che, relativamente all’esercizio ferroviario, non esistono più, essendo state sostituite nell’anno 2000 da Trenitalia. Diciannove anni fa, ma gli imbratta colonne non lo sanno ancora.
In realtà l’esercente, FAL, Ferrovie Appulo Lucane, azienda nata nel 2001 dopo la gestione commissariale seguita allo scorporo delle FCL, Ferrovie Calabro Lucane, è di proprietà del Ministero delle Infrastrutture. Trattasi quindi, a pieno titolo, di ferrovie dello stato (volutamente minuscolo) e, per parte nostra, siamo stanchi di sentir ripetere da decenni questa sorta di nota di demerito: anche Canzo-Asso, dal 1922, piuttosto che Saronno, addirittura dal 1879, servite dalle Ferrovie Nord Milano, oggi Trenord, non hanno mai sentito la mancanza delle Ferrovie dello Stato. Anzi.
Ha omesso persino, l’articolista, di scrivere che il collegamento al resto del mondo avviene tramite linea a binario unico, scartamento ridotto e nemmeno elettrificata. Questo perché ciò che, in altre circostanze, avrebbe costituito l’usuale corollario di un consimile articolo avrebbe doverosamente comportato, secondo lo stantio copione dei giornalaioli, la citazione del “patetico ed anacronistico trenino”.
Normalmente il binario unico merita una filippica a sè, come se l’assenza di un secondo binario definisse un paese sottosviluppato. L’Italiland lo è, anzi lo è progressivamente diventato a datare dal 1861, ma per ben altre ragioni.
La solita menata avrebbe quindi striduto con il tono trionfalistico, destinato a celebrare come colpo di genio un centinaio di metri di tratta interrata terminante in una grande apertura ricavata nel solaio di copertura, sormontata da una tettoia ampia 33 x 44 metri ed alta 12 sul piano stradale.cc 2019.01.21 matera 003Che, con il suo sviluppo, dovrebbe connotare lo spazio di un nuovo agorà urbano la cui funzione andrebbe nelle premesse oltre il servizio ferroviario, contribuendo a concretizzare l’enorme speranza di attirare, per dirla con il Corriere della Serva: “un mare di turisti, ancor più di quelli che già visitano i Sassi, grazie al brand di Capitale della Cultura.”
Grazie ad una tettoia? Abbiate coraggio: ditelo che fumate roba di pessima qualità e indulgete all’alcol.cc 2019.01.21 matera 002La nuova stazione è stata inaugurata sabato 19 gennaio, e gli orari dei treni prevedono ancora una percorrenza media di 1 ora e 30 minuti fino a Bari nonostante la promessa di una riduzione a soli 60′.cc 2019.01.21 matera 004Tutto l’ambaradan, al servizio di 14 coppie giornaliere nei feriali scolastici e caratterizzato da una platea destinata a parcheggio per 350 auto e 30 autobus, è costato la bellezza di 5 milioni e 500mila euro.
“Nei primi giorni del 2019” dichiarò al notiziario Altamuralive il 22 maggio 2018 il presidente di FAL “il collegamento ferroviario da Bari a Matera si potrà effettuare in un’ora, recuperando oltre mezz’ora rispetto ai tempi di percorrenza attuali. Questo grazie a cantieri di raddoppio della linea per 18 chilometri e un valore complessivo di 60 milioni.”
Si certo, pat-pat.
Vale sempre, a nostro avviso, il rapporto costi/benefici: una linea a doppio binario, una spesa di 60 milioni al servizio di 28 treni viaggiatori giornalieri.
A quanti mesi assomma il tempo di attesa per una visita specialistica a Matera?
Come sarebbe a dire cosa c’entra? Nulla, è ovvio.
E, giusto per fare un paragone: Matera conta 60.459 abitanti, quasi quanti Lecco, come vedremo. Per andare da Lecco a Sondrio è possibile contare su 44 corse giornaliere che percorrono 40 km di ferrovia, anch’essa binario unico come quella materana, al servizio di un bacino di utenza potenziale di 137.876 abitanti, 69.887 dei quali nei due capoluoghi (Lecco 48.329, Sondrio 21.558) ed i restanti 67.989 censiti nei comuni serviti dalla linea: Abbadia, Mandello, Lierna, Varenna, Bellano, Dervio, Dorio, Colico, Delebio, Cosio Valtellino e Traona (stazione unica), Morbegno, Talamona, Ardenno, Berbenno e Castione Andevenno. A queste unità vanno aggiunte non meno di 560.384 presenze turistiche annue, il 48% delle quali 268.984 ricorre al treno.
A Matera i 248.902 turisti censiti nel 2016 ricorrono al treno nella misura del 23%: 57.247.
Per concludere, la nuova stazione è stata definita “un miracolo frutto di virtuosa sinergia tra istituzioni.” Sarà perché tanti ne sono stati miracolati?

Alberto Cazzoli Steiner

Ferrovia delle Dolomiti: se il Sud Tirolo si italilandizzasse, vi italilandizzereste voi?

Molto tempo fa lessi in un saggio di economia una massima che mi rimase impressa: la moneta cattiva scaccia quella buona.
Sono fermamente convinto che ciò valga anche per costumi sociali, condizioni di vita, interazione fra persone. Senza tirare in ballo dialoghi sui massimi sistemi lo dimostrano le piccole cose di ogni giorno. Prendiamo un elemento primordiale, il cibo: è normale, anzi è una moda, si chiama street food, mangiare per strada e sui mezzi di trasporto pubblico incuranti del rischio di insozzare cose e persone; è normale parlare con la bocca piena, è normale brandire la forchetta come se fosse una zappa, o nella foga del discorso puntarla come un’arma, e il coltello come se fosse un flessibile; è normale bivaccare schiamazzando all’esterno di locali pubblici.
Se poi, come seppi che accadde quando abitavo sui Navigli, a certi avventori piovvero in testa secchiate di acqua bollente e soda accompagnate da una mitragliata di chiodi, si trattò certamente di un gesto esecrabile ma comprensibile: non tutti chiamano i carabinieri, che tanto non escono, e l’esasperazione è come il Natale. Quando arriva arriva, e in tribunale vengono pur sempre considerate attenuanti generiche e specifiche.
Adoro giudici e avvocati, quando inanellano dotte disquisizioni sul fatto de quo, purtoppo dimenticando sempre Qui e Qua.CV 2017.03.26 Ex Ferr Dolomiti 003De quo, appunto: gli interventi di bassa macelleria altrimenti detti potatura dei rami secchi (autocitazione dal mio libro: Voghera-Varzi, un treno per l’Oltrepò, Cetrasp 1980) portarono, in ossequio al trasporto su gomma e segnatamente all’incremento del mezzo privato, ad una tanto drastica quanto dissennata riduzione di linee ferroviarie e tramvie, che avrebbero potuto, e potrebbero tuttora costituire, l’ossatura delle strutture per una mobilità sostenibile, oltre che un modello di riferimento per comportamenti meno individualisti.
La prima ondata si verificò negli anni ’30 del XX Secolo, seguita da una negli anni ’60 del cosiddetto boom economico, una nel decennio successivo riguardante in particolare lo smantellamento dei trasporti urbani su rotaia ed una, di notevoli proporzioni specialmente a carico di ferrovie locali, a cavallo tra il primo e l’attuale decennio di questo secolo.
L’elenco dei misfatti è innumerevole e non lascia indenne nessuna regione, neppure quelle considerate, non si è mai capito il perché, più illuminate. Ed in questo senso il Trentino – Alto Adige non fa eccezione: Ora – Predazzo, Dermulo – Fondo – Mendola, Ferrovia della Val Gardena, Tramvia Lana – Postal, Ferrovia delle Dolomiti.
Quest’ultima, in tedesco Dolomitenbahn, era una ferrovia di montagna a scartamento metrico, aperta all’esercizio il 15 giugno 1921 e, a pochi anni da un dispendioso rinnovo di mezzi e infrastrutture, attuato in occasione delle olimpiadi invernali del 1956, chiusa definitivamente il 17 maggio 1964 in difetto di ulteriori necessari investimenti. Univa le province di Bolzano e Belluno collegando Dobbiaco, posta sulla linea ferroviaria internazionale Fortezza – San Candido – Prato alla Drava, con Calalzo di Cadore servendo l’iumportante località turistica di Cortina d’Ampezzo.
Possiamo ricordarla attraverso spezzoni di numerosi film, interpretati anche da attori molto noti. Uno per tutti: Il conte Max, del 1957, con Alberto Sordi e Vittorio De Sica.
Alcuni anni fa il sedime e gli edifici furono posti in vendita all’asta, ne scrivemmo il 27 marzo 2017 nell’articolo Ex-stazioni ferroviarie e occasioni perdute. In ragione di consistenti lavori di ripristino, costosi e limitati da vincoli monumentali, oltre che delle pesanti restrizioni nell’uso dei fabbricati, le aste andarono deserte. E fu la quarta volta.contesto ferdolomitiCirca l’ipotesi del ripristino della ferrovia, ovviamente su un tracciato diverso da quello originale, il 13 febbraio 2016 venne siglato a Cortina un protocollo d’intesa sottoscritto da Luca Zaia, Governatore della Regione Veneto, e da Arno Kompatscher, Presidente della çrovincia Autonoma di Bolzano.
Purtroppo, è notizia di questi giorni, il progetto sembra destinato a naufragare per il suo costo eccessivo. La notizia viene riportata, fra gli altri, dal quotidiano Alto Adige, che si segnala per l’inesattezza dei riferimenti geografici forniti e per l’intollerabile approssimazione circa il tracciato di progetto, oltre che per la pubblicazione di una bellissima immagine … della Ferrovia della Val Gardena.imageSiamo abituati all’ignoranza dei pennivendoli quando si tratta di trasporti, e la cosa non ci stupisce. Riportiamo però il link all’articolo poiché a nostro avviso costituisce una summa dell’ignoranza in materia ferroviaria.
Comica finale: sempre di questi giorni è la notizia (Alto Adige Innovazione) dell’istituzione di un collegamento aereo diretto Bolzano – Aosta, per favorire il turismo … cinese.
So ist es wenn es scheint dir, che è più o meno l’equivalente tedesco di: così è, se vi pare.

Alberto Cazzoli Steiner

Mobilità insostenibile: in caso di neve, ci scusiamo per il disagio

CC Neve 2018.11.002In quel tempo … il riferimento è alla seconda metà degli anni ’60 del secolo scorso, il marchio di abbigliamento sportivo Colmar e le Ferrovie dello Stato si contesero lo slogan “in caso di neve”.
In una tenzone giudiziaria il monzesissimo Colombo Mario (ColMar, appunto: credevate che si trattasse di una ridente cittadina alpina francese? sbagliato …) l’ebbe vinta sulle F.S., che abbandonarono lo slogan, corroborato dall’immagine, rigorosamente affidata al fascino del bianco/nero, di un convoglio che sfrecciava sollevando due ali di neve, trainato dall’allora iconico locomotore 646, macchina pensata per treni pesanti e, per l’epoca, veloci, dipinta nella livrea “verde magnolia e grigio nebbia” caratteristico degli elettrotreni veloci di lusso, che dopo decenni rompeva lo schema marrone da treno operaio.
Una cosa è certa: i treni viaggiavano qualunque fosse la condizione atmosferica, e specialmente con neve e ghiaccio: negli impianti a rischio, specialmente in Piemonte, Alto Adige, Abruzzo, sui Giovi, sulla Pontremolese, erano dislocati spazzaneve, spesso ricavati da vecchi locomotori elettrici in disuso risalenti ai primi anni del ‘900, mentre anziane locomotive a vapore, accese per garantire la riserva, si annunciavano nel bianco dei piazzali con le loro esili colonne di fumo. Appositi raschiaghiaccio erano montati sui pantografi, si iniziavano ad installare deviatoi riscaldati.CC Neve 2018.11.001Particolare attenzione era dedicata alla cosiddetta Direttissima Bologna – Firenze, via Vernio, la linea inaugurata nel 1933 senza la quale l’Italia sarebbe stata tagliata in due, ed all’antica Bologna – Firenze via Porretta, a binario unico, dal profilo planoaltimetrico difficile ma che costituiva una parziale alternativa in caso di interruzioni alla Direttissima: lo dimostrò in uno dei momenti peggiori della nostra storia, quello degli attentati ai treni, in particolare quello dell’Italicus avvenuto nella notte fra il 3 ed il 4 agosto 1974 e del Rapido 904, del 23 dicembre 1984, e di tragici incidenti come quello avvenuto il 15 aprile 1978 e che coinvolse l’Espresso 572-bis Bari – Trieste (che non sarebbe dovuto transitare di là, ma che il destino ha voluto instradato via Caserta – Roma – Firenze a cusa del crollo di un ponte sulla linea Adriatica) ed il Rapido 813 “Freccia della Laguna” Trieste – Roma.
Tornando al meteo, a parte precipitazioni nevose di portata insostenibile, il sistema funzionava, primariamente grazie alla dedizione ed alla competenza di tecnici e personale.
Intendiamoci: non è che in passato le ferrovie fossero una meraviglia, anzi. A partire dal fatto che i viaggiatori, detti utenti, venivano trattati come pezze.
Ma come funziona il traffico ferroviario oggi, in caso di neve? Semplice: dopo varie cure, risanamenti, centostazioni, le ferrovie che si sono messe a giocare con la finanza immobiliare, la rete snella, vale a dire che non consente più retrocessioni o spostamenti di incroci in caso di necessità, è stato istituito un sistema di allerta gialla/arancio/rossa.
Attenzione: il sistema non prevede diversi gradi di intervento, ma diversi livelli di soppressione del traffico.
Prendiamo la Liguria, regione dall’orografia ferroviaria particolare: se l’allerta è arancione/rossa i treni vengono preventivamente soppressi nella misura del 50 per cento. Non solo i regionali ma anche quelli in transito, per dire un Torino – Roma.
Intendiamoci: allerta significa che potrebbe nevicare, secondo le notizie provenienti “in varie fasi sulla base delle previsioni dei bollettini meteo emanati dalla Protezione Civile”. Se, invece, dovesse nevicare davvero il blocco sarebbe totale. Così è se vi pare.
Del resto, proprio l’anno scorso un treno rimase bloccato sulla linea dei Giovi a causa del ghiaccio sulla linea elettrica di alimentazione. Ed in soccorso qualche genio inviò … una locomotiva elettrica. Che si inchiodò a propria volta, costituendo un ulteriore intralcio quando, ore dopo e passeggeri stremati, venne finalmente inviata un locomotiva Diesel.
Il bello è che, sotto la denominazione “Piano Neve e Gelo 2018/2019”, il tutto è stato presentato nei giorni scorsi agli organi di informazione “per gestire al meglio la circolazione ferroviaria in caso di criticità legate al maltempo”.
Sotto il profilo tecnico le riduzioni verranno programmate e annunciate il giorno precedente eventuali dichiarazioni di allerta, ed il piano sarà attivato a partire dai due giorni precedenti la dichiarazione di allerta meteo. Notare: precedenti.
Tra i molti aspetti incomprensibili si situa anche l’impiego di 170 addetti straordinari per ogni turno di lavoro, annunciato da Rete Ferroviaria Italiana per la gestione delle emergenze, il mantenimento in efficienza di impianti ferroviari e stazioni, le informazioni al pubblico, la gestione della circolazione. No fateci capire: se tutto è soppresso, se regna il silenzio sotto la coltre bianca, di quale circolazione stiamo parlando?
Il comunicato stampa di RFI si conclude rendendo noto che variazioni e soppressioni saranno tempestivamente comunicate utilizzando tutti i canali informativi del Gruppo: siti web, account sui social, biglietterie, uffici di assistenza, tabelloni elettronici e annunci sonori.
Naturalmente. Già immaginiamo la scena: Genova Sturla, ore 07:50, il tabellone annuncia dapprima un ritardo di 10′, che salgono a 15′, a 20′, a 30′ … Ed infine ecco l’annuncio: “Il treno, Regionale 2299, proveniente da Genova Piazza Principe e diretto a La Spezia Centrale previsto in arrivo per le ore 07:25, oggi, non è stato effettuato causa avverse condizioni meteo. Ci scusiamo per il disagio.”

Alberto C. Steiner

Shamballa esiste, e vi si costruiscono case

CC 2018.10.17 Casa 3D 001Mentre mistici e filosofi continuano a cercare invano la sua forma a fior di loto nel nord dell’India, vagheggiando, a dimostrazione di quanto abbiano lasciato andare l’attaccamento alla materia, case d’oro e d’argento tempestate di gemme preziose, gli ingegneri l’hanno trovata.
È in Romagna, a Massa Lombarda, e, sorpresa: non esiste la macchinina che con la forza della mente sforna la salsapariglia e i maglioncini di cachemire tanto cari ai gauchistes ecochic, e che ho sempre immaginato come la gloriosa Imperia con cui le nostre mamme e nonne facevano la sfoglia in casa.
Molto più realisticamente, vi si costruiscono case in terra cruda, calce idraulica, paglia e lolla di riso grazie a Crane Wasp, stampante 3D di ultimissima generazione realizzata da Wasp, azienda leader nella progettazione e produzione di stampanti tridimensionali utilizzabili in svariati settori, edilizia compresa.
E, mediante la stampa digitale tridimensionale ed utilizzando nella miscela del processo additivo materiali locali e prodotti di scarto della lavorazione del riso, è stata realizzata un’abitazione prototipo, non casualmente chiamata Gaia, durante una manifestazione dimostrativa tenutasi presso la sede di Wasp il 6 e 7 ottobre scorsi e denominata, non senza ironia, “Viaggio a Shamballa”.
Merita una menzione l’indispensabile apporto della startup biellese RiceHouse, attiva nel settore dei materiali per bioedilizia utilizzando terra cruda, calce, paglia e lolla provenienti come scarti dalla lavorazione riso. Questa tecnica, ecosostenibile e di ultima generazione, ha consentito di contenere i costi del materiale, utilizzato per realizzare l’edificio dimostrativo, assommante 20 metri quadrati di piano di calpestio, in soli 900 euro.
Per chi volesse approfondire linkiamo questo interessante filmato: https://youtu.be/KS1mb8QVE-E dal quale proviene l’immagine sottostante.CC 2018.10.17 Casa 3D 003Il prototipo Gaia, così denominato in ragione dell’utilizzo della terra cruda quale principale legante della miscela, è il prodotto di un’innovativa tecnologia 3D printing che privilegia l’impiego di fibre vegetali e materiali naturali di scarto provenienti dalla produzione risicola.
Composta al 25% da terreno prelevato in sito (costituito per il 30% da argilla, per il 40% da limo e per il 30% da sabbia), per il 40% da paglia di riso trinciata, per il 25% da lolla di riso e il 10% da calce idraulica, la miscela viene posata in strati additivi portando all’estrusione della parete perimetrale della struttura per complessivi 30 m2 di involucro circolare, spesso 40 cm e completo dei sistemi di ventilazione naturale e dell’isolamento termo-acustico, finito mediante una stratigrafia di copertura in legno, isolata con calce e lolla di riso, rasato internamente con argilla e lolla di riso ed infine levigato e oliato con olio di lino.CC 2018.10.17 Casa 3D 002Ciò rende superfluo installare impianti di riscaldamento e condizionamento, poiché l’interno dell’edificio garantisce temperatura adeguata ed elevato livello di salubrità, grazie anche ad un massetto contro terra appositamente studiato per l’isolamento termico ed anch’esso in calce e lolla di riso, che permette di classare energeticamente in A4. Curato, infine, anche l’orientamento a sud-ovest, con la posa di un’ampia vetrata che, oltre ad ottimizzare la luce naturale, consente di sfruttare l’apporto passivo del sole.

Alberto C. Steiner

Il ponte Röthlisberger o di San Michele

CC 2018.09.30 Cover 1015x276La nuova copertina di CondiVivere è dedicata ad un capolavoro dell’archeologia industriale, spesso paragonato alla coeva Torre Eiffel, eretta nel 1887 con analoghe tecnologie.
Chiuso al traffico da circa un mese per indifferibili lavori di manutenzione, collega le province di Lecco e Bergamo, ed è più noto come il ponte di Paderno d’Adda, piuttosto che con il nome del suo progettista, l’ingegnere svizzero Jules Röthlisberger (Neuchâtel 17 febbraio 1851 – Chaumot 25 agosto 1911).
Il ponte supera il fiume Adda con un’unica campata in travi di ferro, lunga 266 metri elevata di 85 sul pelo dell’acqua, con una corda di 150 metri. L’arco, mediante 7 piloni metallici, sostiene un’impalcatura su due livelli: l’inferiore ferroviario ed il superiore, elevato sul precedente di 6,3 metri, stradale con corsia ampia 5 metri.
La scelta di un’unica campata fu dettata dalla necessità di scavalcare una gola molto stretta e profonda, e dall’intento di non intralciare la navigazione fluviale. Le opere cementizie e murarie di appoggio, i plinti ed i contrafforti di sostegno sono costituiti da oltre 5.000 metri cubi di pietra di Moltrasio e da 1.200 metri cubi di granito di Baveno.
Per la costruzione, avvenuta tra il 1887 e il 1889, vennero impiegati 470 operai e l’attività del cantiere iniziò costruendo un primo ponte di servizio, utilizzando 1.800 metri cubi di pino bavarese. Il granito e la pietra necessari per la realizzazione di plinti e fondamenta pervenivano in sito trasportati per via fluviale mediante chiatte, il granito di Baveno via Ticino, Po e Adda, non ritenendo sufficiente la portata della Martesana sulla quale furono effettuati esperimenti dall’esito negativo.
Le 2.515 tonnellate di ferro e le 110 di ghisa utilizzati provenivano da fonderie tedesche e venivano lavorati presso la SNOS di Savigliano, in provincia di Torino, capocommessa dell’opera. I moduli da assemblare per costruire la struttura venivano trasferiti a Paderno per ferrovia e montati in opera tramite una funicolare appositamente realizzata.
Nel marzo 1889 il ponte fu ultimato e nel maggio avvenne il collaudo, effettuato facendo transitare alla velocità di 25, 35 ed infine 45 km/h un treno composto da 3 locomotive da 83 tonnellate l’una e trenta vagoni per complessive 850 tonnellate.
Una leggenda, che ancora oggi gode di un certo credito, vuole che l’ing. Röthlisberger, temendo il fallimento dell’impresa, si suicidasse gettandosi dal ponte il giorno precedente a quello dle collaudo. In realtà morì di polmonite nella sua dimora di Chaumot, vicino Parigi, il 25 agostoo 1911.

Alberto C. Steiner

(si ringraziano Lorenzo Pozzi e archeologiaferroviaria.wordpress.com)

Sempre lì, lì nel mezzo, fin che ce n’hai: una vita da letame

Vedete voi se ridere o piangere: in Valtellina i Carabinieri hanno ricevuto segnalazioni, da parte di cittadini in vacanza, contro le vacche al pascolo perché con i campanacci disturberebbero la quiete e i pisolini.CC 2018.08.01 Letame 004Ma i bovini, oggi stimati in 5.500.0001 capi contro i 6.264.000 del 19212, oltre che tintinnare i campanacci defecano. E producono letame, risorsa tanto preziosa quanto controversa.
Da sempre sinonimo di fertilità e salute del terreno, il letame è storicamente accostato alle pratiche agricole per innalzare le rese e restituire al suolo quanto asportatovi dalle colture ma, pur nutrendo, strutturando, trattenendo l’acqua, è portatore di criticità, polemiche e limiti oggettivi nell’utilizzo.
Oggi gli allevamenti bovini sono prevalentemente concentrati nell’area centrale dell’Oceano Padano3, mentre un secolo fa erano distribuiti lungo quasi tutta la penisola, con particolare incidenza in Toscana, Marche, Lazio, Campania. La popolazione, inoltre, era in gran parte contadina, pertanto in ogni podere c’erano almeno un paio di vacche da latte, oltre a cavalli, asini o muli. Non vi era quindi campo che non potesse contare su un po’ di letame bovino ed equino. Oltre che su quello derivante dal pollame, come è noto la specie domestica più diffusa al mondo tanto da divenire emblematica delle aree povere di risorse.CC 2018.08.01 Letame 001Dal 1921 (anno i cui la popolazione assommava a 37.200.0004 unità) ad oggi (60.500.000) passando per il 1958 (49.300.000 ) anno che viene considerato l’inizio del boom economico, i consumi di carne sono notevolmente aumentati: è in quell’anno che l’immagine di un paese povero e arretrato, condannato a una dieta scarsa e pressoché vegetariana povera di grassi e proteine, vede una brusca impennata che inverte la tendenza e apre ad un’epoca nuova senza precedenti di crescita costante e intensa, nella quale l’alimentazione italiana raggiunge i livelli e gli standard dei Paesi avanzati del mondo occidentale.
Nel 1958 venivano mediamente consumati pro-capite 111 kg annui di carne bovina, 6 di suina e 3 di pollame (incluse oche, escluse anatre classificate come selvaggina); oggi si toccano rispettivamente i 25, i 40 e i 20 (senza distinzione fra anatre e oche, in ogni caso assolutamente marginali). Ma ciò è massimamente dovuto alle importazioni poiché, come visto, un secolo fa esistevano più bovini ma la popolazione era poco più della metà rispetto a quella attuale, ed il consumo di carne bovina era diffuso solo nelle fasce a reddito medio-alto.
Va aggiunto che, per l’allevamento dei bovini, la disponibilità di acqua è fondamentale, ben lo sapevano addirittura i Cistercensi che con le marcite istituirono il terzo ed il quarto taglio della fienagione, l’ultimo all’approssimarsi dell’inverno, e per tale ragione il Nord è da sempre più ricco di bovini rispetto al resto della penisola. Ed anche oggi, puntando un ideale compasso su Cremona e tracciando una circonferenza del diametro di 120 km includeremmo almeno il 60 per cento dei bovini, e dei suini, nazionali5.CC 2018.08.01 Letame 003Ciò è anche dovuto alla sempre più marcata specializzazione, pur tenendo conto (breve digressione fuori tema) che in aree come il Parmense sono numerosi gli impianti suinicoli abbandonati e sotto esecuzione, spesso perché dopo aver drenato contributi dalla tanto vituperata Europa ed aver delocalizzato all’estero gli “imprenditori” hanno portato i libri in tribunale, riciclandosi come intermediari e trasformatori di carni provenienti dall’estero, spesso da paesi dove i controlli esistono solo sulla carta e dove il giro di certificati sanitari incomprensibili la fa da padrone6. Per non andare troppo fuori tema ci limitiamo a citare come facciano fede, in tal senso, i dati del contenzioso di Cariparma (ex Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza, oggi Crédit Agricole) oltre che dell’onnipresente Unicredit. Ma torniamo alla carne bovina: in Valtellina la bresaola doc-igp si fa con carne di zebù brasiliano.
Detto in altri termini: mangiamo la merda, ma la merda in senso stretto non la importiamo.
Questo significa, giusto per fare un esempio, che nelle vaste aree cerealicole del Centro e del Sud, dove i capi d’allevamento sono relativamente scarsi, letamare è praticamente impossibile. L’alternativa sono fertilizzanti minerali che, pur nutrendo le colture, non reintegrano il suolo relativamente al contenuto di sostanza organica, e i ritmi finanziari e del mercato non consentono di lasciare incolta una parte della superficie per ingrassare il terreno.
Per l’agricoltura biologica e biodinamica, che si sono vietate i fertilizzanti inorganici, il letame è uno dei fattori produttivi più ambiti ma…
Ma c’è un ma, perché qui sconfiniamo nell’ambito delle ideologie, dei convincimenti ascientifici, addirittura biomistici come nel caso della biodinamica, basata su una visione esoterica e resa famosa in primis dal Nazismo.
Fermo restando che, del letame, bisognerebbe avere la disponibilità sotto casa (ne va, anche, del km zero e dei costi di stoccaggio e trasporto) abbiamo visto come la preziosa risorsa sia prodotta prevalentemente al nord mentre l’agricoltura biologica e biodinamica è diffusa su tutto il territorio, addirittura con maggiore concentrazione al Sud.
Se tutta l’agricoltura dovesse diventare bio, o biodinamica, a parità di impegno e di produzioni si renderebbe necessario accrescere notevolmente il patrimonio bovino solo per star dietro ai fabbisogni di letame dei campi. Vale a dire proprio ciò che l’intero mondo ambientalista vede come fumo negli occhi per via dell’inquinamento, dell’effetto serra, dei nitrati, della deforestazione e del blablabla, pur considerando che quando gli ambientalisti parlano, anzi proclamano, bisogna sempre fare la tara a ciò che dicono.
Un esempio a tema, anche se datato: nella provincia di Piacenza7 venne realizzato 14 anni fa uno studio comparativo dei livelli di nitrati nelle acque parametrati alla consistenza dei bovini in ogni comune. Vennero riscontrati meno nitrati nei comuni con più capi bovini e di più in quelli a densità zootecnica inferiore, esattamente il contrario di quello che ci si sarebbe dovuti aspettare.
In ogni caso l’incremento della richiesta di letame, e conseguentemente (anzi antecedentemente, per lapalissiane ragioni…) di capi bovini, contrasta apertamente con qualsiasi pretesa di maggiore ecosostenibilità dell’agricoltura biologica e, in particolare, biodinamica.
Ma nel 1921, anno del Milite Ignoto? Oltre al Milite Ignoto c’erano, come scritto più sopra, 37 milioni e duecentomila abitanti, il doppio delle terre coltivabili rispetto ad oggi ed una popolazione prevalentemente contadina con il proprio pezzo di terra e qualche bestia nella stalla. Ciascuno la sua mamma e tutti a far la nanna…
Piaccia o meno agli ambientalisti, va detto che le indagini e le proiezioni più attendibili non le fanno Legambiente, i genuini clandestini o i vari debunker, le fa il marketing, quello responsabile dell’impegno di miliardi di euro in strategie, linee di prodotto, macchinari, attività lobbistica, logistica, pubblicità per indurre i consumi.
E le indagini dicono (per chi mi conosce, siamo alle solite: il 90/10 che è ormai stabilmente diventato 95/5) che il mercato agroalimentaree, dopo il picco registrato negli anni scorsi, è in controtendenza: vegetariano e vegano costano troppo e, si è scoperto, spesso senza ragione, non sviluppano serotonine e la gente tende ad associarli con tutta una serie di intemperanze e fisse che negli anni scorsi hanno reso tristemente famosi vegani e antispecisti, a causa di alcune frange estremiste.
Il marketing ha quindi sentenziato che lo stile alimentare vegetariano, ed in particolare vegano, rappresenterà solo qualche punto percentuale sul totale (al massimo l’11 per cento), tenendo conto che i vegetariani mangiano uova e formaggi e bevono latte: ciò significa che pollame e vacche da latte sopravviveranno. E con loro il letame.CC 2018.08.01 Letame 002E, per concludere come l’uroboro, tornando ai villeggianti che si lamentano per il suono dei campanacci delle vacche, i cittadini, specialmente gli ecobiobau che orgasmano con semi antichi e bacche di improbabile provenienza nei biomercatini di città, una volta trasferitisi a vivere in campagna sono maestri nel rompere i maroni a chi in campagna ci lavora sul serio, per esempio lamentandosi che dalle stalle fuoriescono puzza e mosche. Adusi alle dinamiche cittadine sobillano comitati e presentano esposti, purtroppo essendo nuovi elettori e nuovi contribuenti vengono lasciati fare, nella speranza che – magari attraverso qualche pratica di meditazione, che negli ecobiobau non manca mai – trovino, se non il Nirvana, almeno la pace con se stessi, auspicabilmente decidendo di ritornare nelle loro città dove, forti del vissuto agreste, potranno organizzare corsi di agricoltura sostenibile ed ecovillaggi che saranno come la marcia dell’Aida, nonché ritrovarsi, oltre che al solito Radetzky, in quell’ammmmore del nuovo tisanispremificio appena aperto dalla Cicci, dalla Pilli, dal Simo o da Slurpasgnapavat.
Per quanto ci riguarda, nella consapevolezza che il letame gode, e per lungo tempo ancora godrà, ottima salute, gli formuliamo i nostri migliori auguri.

Alberto C. Steiner

NOTE
1 – Tutti i dati numerici sul patrimonio zootecnico e sull’alimentazione: Ministero delle Politiche Agricole e Forestali
2 – Anno del 6° censimento effettuato a partire dall’istituzione del Regno d’Italia (1861); fu l’ultimo demandato ai comuni, gravati anche delle spese di rilevazione, prima dell’avvento dell’Istat e rivestì particolare importanza poiché seguì il precedente, risalente al 1911, riferendo lo stato della popolazione e delle attività dopo la I Guerra Mondiale.
Mediante tale censimento vennero anche aggiornati i dati sulla proprietà fondiaria, che aveva per base il Catasto Geometrico Particellare istituito con legge 1° marzo 1886 e che accorpava i dati dei singoli stati, escluso lo Stato della Chiesa rilevato in due riprese, nel 1876 e nel 1898, che fino al 1861 costituivano l’ossatura politica della penisola.
3 – Oceano Padano è il titolo del libro di Mirko Volpi pubblicato da Laterza nel 2015.
4 – Tutti i dati numerici sulla popolazione: Istat
5 – Dato desunto da Interviste impossibili: una vita da letame, di A. Sandroni, Agrinotizie 25 luglio 2018, che ha liberamente ispirato il nostro articolo.
6 – Cristophe Brusset: Siete pazzi a mangiarlo!, Piemme 2015.
7 – Progetto Aquanet: Analisi degli effetti dell’inquinamento diffuso sulle acque destinate all’uso potabile: definizione di piani di prevenzione – Arpa Emilia-Romagna, Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Chimica Agraria e Ambientale, anno 2004.

 

Parco della Lessinia: intollerabile per Legambiente, Italia Nostra e Lipu che qualcuno possa decidere in casa propria

CC 2018.07.14 Lessini 001“Grave voto della Giunta verso l’autogestione.” Per Italia Nostra, Legambiente Verona, Wwf veronese e Lipu è intollerabile che i proprietari dei terreni costituenti il parco della Lessinia, cioè i padroni di casa, entrino a far parte del comitato tecnico scientifico di gestione.
Per chiarire da subito come la pensiamo di loro e di quelli come loro: è da tempo immemore che esistono per barcamenarsi in chiacchiere, con qualche azione esclusivamente simbolica che al territorio ha procurato più danni che altro, e con l’esclusiva funzione reale di portare voti. È finita a Napoleone, si dice. Figuriamoci se prima o poi non sarebbe finita anche per loro.
Piccola premessa triste, prima di entrare in argomento: quando si trattò di devastare il territorio scaricando nei fiumi gli acidi delle concerie piuttosto che costruendo iinutili strade o realizzando improbabili poli artigianali oggi memento di uno squallido cimitero degli elefanti, per tacere di altre nefandezze, anche i Veneti elettori di Pio Mariano dei Miracoli non furono secondi a nessuno.
Stiamo parlando di quel Veneto, asservito per convenienza al governo di occupazione, dal quale si teneva ben saldo il timone dell’allora Ministero dell’Agricoltura che provvedeva ad elargire sul territorio gran copia di fondi e sovvenzioni, dove modesti artigiani diventavano miracolosamente imprenditori e successivamente industriali per poi delocalizzare dapprima nei paesi dell’Est europeo e successivamente ancora più lontano, in Asia e America Latina.
Intendiamoci: fatte le debite proporzioni nulla di nuovo sotto i cieli d’Italiland.
Ma le cose cambiano, le consapevolezze mutano, vi è maggiore attenzione alla tutela di un territorio sempre più percepito come Heimat, corroborata dala precisa volontà di essere attori del proprio cambiamento in una sorta di democrazia diretta e non rappresentativa.
In tutto questo, morta per consunzione la Balena Bianca, perite le altre sigle sue nemiche o alleate a seconda del canovaccio teatrale da mettere in scena, le forze d’occupazione con i loro scherani e i loro Ascari si sono ricompattate sotto sigle diverse e colori vuoi annacquati vuoi accentuati, imbrogli e tentativi di depistaggio, presto scoperti, di chi cavalcava in modo truffaldino il nascente desiderio di autonomia. Il resto non è più storia bensì cronaca.
Ma esiste ancora chi, in nome di uno statalismo comatoso, di un dirigismo da sacrestia e da segreteria pretende di comandare in casa d’altri indirizzando scelte e fondi, spiegando “al colto e all’inclita” come dovrebbero, anzi devono, pensare ed agire, e soprattutto davanti a chi dovrebbero, anzi devono, scappellarsi.
Il fenomeno è particolarmente riscontrabile nell’ambito della tutela ambientale del quale, sotto un manto di purezza virginale dagli irresistibilmente comici risvolti newage e disneiani, si sono nel silenzio di istituzioni e cittadini appropriate segreterie annacquate e sacrestie arrossate in allegra commistione, formando dei Komintern che ancora oggi pretendono di arrogarsi la facoltà di decidere chi, cosa, come, dove, quando sulla pelle degli altri e nei quali ingegneri, arhitetti del verde, agronomi, biotecnologi, biologi, veterinari, pastori e allevatori sono merce rara, contrapposta alla marea dei laureati (quando lo sono) in filosofia e scienze politiche o lettere antiche.
In questo scenario non stupisce il comunicato stampa unificato di Italia Nostra, Legambiente Verona, LIPU e WWF Veronese dedicato al Parco della Lessinia.
Che, nel Veneto, numerose aree verdi e protette siano state commissariate è storia. C’è da chiedersi dove fossero questi soloni verdi, queste cariatidi del pino mugo, questi opportunisti del cocal quando si trattò di commettere gli abusi e gli illeciti che portarono al commissariamento. Non sappiamo. Sappiamo però che furono fra i membri dei comitati di gestione, fra i probiviri, fra il questo e il quello degli organi di commissariamento, fra i disturbatori delle assemblee cittadine.
Vogliamo proprio essere pignoli ed osservare con la lente che cosa abbiano portato i commissariamenti, soprattutto in riferimento a certe realtà locali particolarmente delicate, in termini di benefici ambientali, ripopolamento, tutela delle specie e del territorio?
La risposta può validamente fornirla la nota e salvifica espressione di Cetto Laqualunque.
Ciò premesso gli organismi sopra menzionati hanno emesso un comunicato, che riportiamo nei suoi elementi essenziali:
“La Giunta Veneta, conscia della maggioranza in Consiglio, non ha faticato ad ottenere quello che da oltre un anno stava perseguendo. L’obiettivo dichiarato è sempre stato quello di svilire e ridurre le aree protette a favore di spazi per le attività economiche.” vale a dire esattamente quello che hanno fatto loro in questi anni non facendo nulla. Ma proseguiamo:
“… riuscita nell’intento con l’approvazione di questa legge, che accentra poteri straordinari su di sé in merito a nomine e controllo per la gestione di tutti i parchi del Veneto, ora potrà dedicarsi alle modifiche sostanziali della Legge Regionale 40 del 1984, riducendo le superfici dei parchi così come già più volte ribadito da alcuni consiglieri di maggioranza che non tollerano la presenza di tutele, vincoli e limiti alla libertà d’impresa.
Eppure non più tardi di due anni fa in fase di redazione della proposta di legge per modificare quella in vigore per l’istituzione dei parchi e delle riserve naturali regionali, si recitava che … Le aree naturali protette e più in generale la rete ecologica regionale … rappresentano un importante laboratorio per la conservazione e l’implementazione della biodiversità e dei servizi ecosistemici attraverso lo sviluppo di attività sostenibili dal punto di vista ambientale, economico e sociale …
Una premessa sacrosanta di cui oggi non c’è traccia nella norma appena approvata. Al suo posto, quali finalità e obiettivi da garantire, si dichiara che … le nuove disposizioni per la gestione e il funzionamento dei parchi perseguono l’obiettivo della semplificazione, del miglioramento e dell’efficienza delle procedure programmatorie e gestionali …”
Ed ora arrivano i toni lirici: “Addio conservazione, addio biodiversità!” Si, addio monti sorgenti dall’acque, addio gettoni di presenza, addio commissione di perizie, progetti, studi programmatici destinati ai blabla dei convegni. Andiamo avanti:
“Per uscire dal regime di commissariamento in cui tutti i parchi del Veneto erano miseramente finiti” E come mai c’erano finiti? Voi, nel frangente dove eravate? “il disegno di accentramento nelle mani della Giunta Regionale lo si legge in tutto l’articolato: ‘La Giunta regionale definisce … coordina … fornisce supporto …”
E qui troviamo la frase che ha fatto scendere gli ambientaioli dalle scale come la ragazzina de L’esorcista, sputazzando vomito e bile: “Il consiglio direttivo è nominato dal Presidente della Giunta regionale … il presidente del parco è nominato dal Presidente della Giunta regionale…”
E adesso viene l’intollerabile, per comunistoidi sacrestariani: “In questo quadro destra (Testuale nel comunicato, destra in luogo di desta. Ah, i lapis! ops, i lapsus… se non esistessero bisognerebbe inventarli) molta perplessità l’inserimento nel Consiglio Direttivo dei proprietari terrieri, rappresentanti almeno il 60% dei terreni silvo-pastorali, appartenenti cioè al Parco della Lessinia, con conseguenti possibili divergenze tra le istanze private e quello della protezione e conservazione del patrimonio naturale che sono la ragione per la quale ogni parco è Istituito, secondo quanto previsto dalla L. 394/1991.
Gravissimo, infine, il passaggio delle competenze in merito alle autorizzazioni paesaggistiche dalle mani dell’Ente Parco ai Comuni, spesso inadeguati per competenze tecnico-scientifiche, per mancanza di risorse umane e strumentali e per assenza di visione d’insieme.”
Insomma, nihil sub sole novi: gli altri, di chiunque si tratti, non sono sufficientemente acculturati, preparati, competenti per decidere in casa propria. Hanno bisogno il tutore.
Peccato che il tutore assomigli sempre al commissario politico. E questo è quanto.

Alberto C. Steiner

Prosecco, se mi bocci non vale

La valigia sul letto
è quella di un lungo viaggio
hai fallito con il prosecco
e prima ancora con il formaggio
e così su due piedi sarai liquidato
ma del resto sei tu
che hai offerto la giugulare
ad un azzardo sbagliatocv-2017-03-01-prosecco-002Niente nomi, non serve, del resto gli amici Veneti sanno a chi mi sto riferendo. E, non solo perché non possiedo auto dal 1996, non temo incendi o atti dinamitardi: sappiamo come queste cose accadano solo in Calabria o in Sardegna.
Da noi no. No, non da noi. No.
Nonostante il parere contrario “dei soliti moderati che non capiscono un ca…” avevano puntato tutto sull’inserimento delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene fra i siti culturali protetti come patrimonio mondiale dell’Unesco. Bocciati, con questa motivazione: “Le condizioni di notevole degrado ambientale non consentono di poter ragionelvolmente argomentare di sito versato alla tutela dell’equilibrio dell’ecosistema.”
Ed ora, come accadde al re della Giudea nella notte della Natività, a certi esponenti di Coldiretti je rode: “Con l’ingiusta bocciatura” ingiusta scrivono, avendo fra le loro virtù la faccia come il culo “della candidatura delle colline del prosecco non si riconosce l’importanza di un territorio dallo straordinario valore storico, culturale e paesaggistico in grado di esprimere una produzione che ha saputo conquistare apprezzamenti su scala mondiale” afferma la lobby commentando la stroncatura.
Allora, per usare un garbato eufemismo: avete rotto i coglioni. Li avete rotti, fra le altre ragioni, poiché non vediamo cosa possa avere di culturale il prosecco a meno che, com’ebbe a dire Lino Toffolo: il culturismo el xe el turismo del cul.
E non è nemmeno il fatto che l’attività dia lavoro a tremila viticoltori sparsi in 15 comuni coinvolgendo 5.000 ettari. Non è una ragione, è solo la coperta, il paravento, il dito sporco di pesticidi dietro cui ci si nasconde vaneggiando di autonomie, indipendenza, rispetto per la storia del territorio ma essendo nei fatti i primi a farne strame.
Il piagnisteo prosegue: “Una decisione che mortifica il grande valore culturale e ambientale che l’agricoltura riveste in un territorio in cui sono prodotti ben 655.211 ettolitri di vino certificato come Docg.” E qui siamo alla truffa: quel dato comprende prosecco, glera, chardonnay ed altri vitigni minori. Non è prosecco, che incide solo per la pur ragguardevole quota di 409.017 ettolitri.
Comprendiamo come ci si possa sentire quando un investimento fondiario sul quale si sia puntato tutto è saltato. Del resto, gente, lo chiamano rischio d’impresa e, almeno per coerenza (coerenza, do you remember?) non potete ora chiedere, come fanno “i terroni” l’intervento dello stato (di occupazione) perché vi tuteli, sostenga, agevoli, sgravi fiscalmente.
Purtroppo la mia profezia, della quale scrissi qui il 1° marzo 2017 in Fame un spritz, fameo bon co ‘na feta de limon, si è avverata: “Chi crede che il land grabbing sia un fenomeno tipico del Sud del mondo è in errore: accade anche da noi.
Per esempio … nel Veneto, segnatamente nei territori votati alla produzione del prosecco.
Accade da anni ma da quando, nel gennaio dello scorso anno (2016 per chi legge, NdA), la Regione Veneto ha di fatto liberalizzato l’impianto di nuovi vigneti, l’espansione delle vigne a Prosecco è stata inarrestabile. I coltivatori hanno cercato prevalentemente terreni di vaste proporzioni pagando anche da 6 a 10 euro al metro quadrato contro un valore effettivo che normalmente non supera i 2, non da ultimo grazie ai contributi elargiti dalla Regione, che nel 2015 hanno toccato la ragguardevole cifra di 13,5 milioni di euro.”
La stessa Regione aveva nel frattempo esteso l’area della doc alla provincia di Belluno, scatenando anche là l’accaparramento delle terre per vigne da Prosecco.
E questo “Oltre alle conseguenze ambientali e sociali tipiche delle monocolture, ha implicato un massiccio livello di utilizzo di prodotti chimici, segnatamente pesticidi utilizzati in non meno di 20-25 trattamenti annui, contro i quali nulla possono fare anche quei pochi coraggiosi produttori del biologico, visto che vengono sparsi con gli elicotteri e che i dati dell’Arpav sono chiari: aumento del 305% nell’uso di pesticidi dovuto ai nuovi vigneti.”
Già nel 2014 alcuni politici locali intervennero in difesa della popolazione affermando che se fossero stati eletti al Parlamento Europeo avrebbero denunciato l’assalto alle terre e alla montagna. Perché non l’hanno fatto come privati cittadini, mentre l’incidenza dei tumori aumentava?.
Grazie alla lobby del prosecco esiste inoltre una legge regionale che consente di distruggere i boschi per piantare i vigneti, tanto è vero che a Tarzo una collina franò a causa della distruzione di un bosco secolare trasformato a suon di ruspe in area coltiva.
Concludevamo l’articolo con questa espressione: “Bene. Sappiamo di avere, con questo articolo, smosso le coscienze degli ecochicbiobau di Brera. Ne parleranno, in attesa di completare il gruppo di amici davanti al Patuscino o al Radetzky. Dove, una volta accomodatisi, ordineranno uno spritz.”
Mi riferivo, ça va sans dire, a quegli escrementi di cane malato che nei giorni scorsi indossarono la maglietta rossa.

Alberto C. Steiner