Fame un spritz, fameo bon co ‘na feta de limon

Chi crede che il land grabbing sia un fenomeno tipico del Sud del mondo è in errore: accade anche da noi.CV 2017.03.01 Prosecco 001.jpgPer esempio in Lombardia, dove le aziende agricole stanno diventando sempre di meno ma con terreni sempre più estesi destinati a monocolture, in particolare soia e colza. Oppure nel Veneto, segnatamente nei territori votati alla produzione del prosecco.
Accade da anni ma da quando, nel gennaio dello scorso anno, la Regione Veneto ha di fatto liberalizzato l’impianto di nuovi vigneti, l’espansione delle vigne a Prosecco è stata inarrestabile. I coltivatori hanno cercato prevalentemente terreni di vaste proporzioni pagando anche da 6 a 10 euro al metro quadrato contro un valore effettivo che normalmente non supera i 2, non da ultimo grazie ai contributi elargiti dalla Regione, che nel 2015 hanno toccato la ragguardevole cifra di 13,5 milioni di euro.
La stessa Regione ha inoltre esteso l’area doc alla provincia di Belluno, e anche lì si è scatenato l’accaparramento delle terre per vigne da Prosecco.
Oltre alle conseguenze ambientali e sociali tipiche delle monocolture, ciò ha implicato un massiccio livello di utilizzo di prodotti chimici, segnatamente pesticidi utilizzati in non meno di 20-25 trattamenti annui, contro i quali nulla possono fare anche quei pochi coraggiosi produttori del biologico, visto che vengono sparsi con gli elicotteri e che i dati dell’Arpav sono chiari: aumento del 305% nell’uso di pesticidi dovuto ai nuovi vigneti.CV 2017.03.01 Prosecco 002.jpgA prescindere dall’effetto deriva dei pesticidi usati nel prosecco che inquinano altre coltivazioni e stanno creando problemi all’apicoltura, l’aumento dei prezzi della terra la rende inoltre sempre meno accessibile a chi volesse incrementare le coltivazioni tipiche e tradizionali. Una presenza invasiva come il prosecco, per la potenza economica di cui dispone e per l’impatto ambientale che provoca, comporta inoltre che l’uva divenga vino solo se trasformata nelle cantine del trevigiano. Sul territorio rimangono quindi solo pesticidi e danni, mentre la ricchezza va altrove. Esattamente come in Africa.
Le situazioni più critiche sono ovviamente nelle zone di Valdobiadene e Conegliano dove da decenni si coltiva il prosecco e dove ci sono molti problemi, oltre che di inquinamento e irrorazione, anche per il turismo, poiché sono state vietate le passeggiate lungo zone coltivate a vite da aprile ad agosto.
Già nel 2014 alcuni politici locali sono intervenuti in difesa della popolazione affermando che se fossero stati eletti al Parlamento Europeo avrebbero denunciato l’assalto alle terre e alla montagna. Perché, non potevano farlo come privati cittadini? E intanto anche l’incidenza dei tumori sta aumentando.
Grazie alla lobby del prosecco esiste inoltre una legge regionale che consente di distruggere i boschi per piantare i vigneti, tanto è vero che a Tarzo una collina è franata a causa della distruzione di un bosco secolare trasformato a suon di ruspe in area coltiva.
Per contrastare il fenomeno sono nati i GAST, Gruppi di Acquisto Solidale di Terreni, ma la battaglia è persa in partenza perché può essere combattuta solo a colpi di bonifici milionari, e non basta che gruppi di venti o trenta famiglie decidano di mettere insieme i loro risparmi per acquistare un terreno, un bosco, un frutteto, in modo da sottrarlo al prosecco.
A distanza di un anno dall’approvazione della legge assistiamo a boschi che scompaiono, e con loro animali selvatici, flora spontanea, possibili economie alternative, capacità di creare acqua, stabilità delle pendenze, caratterizzazione dei luoghi in senso paesaggistico, culturale, gastronomico. Tutto questo per far posto ad un’agricoltura che punta dritto all’happy hour e deve fare subito profitto grazie ad un aperitivo industriale frizzante.
Un’agricoltura armata di motoseghe e macchine movimento terra non pone le basi per la sostenibilità. Un produttore biologico o un vignaiolo serio non sterminano un bosco o un frutteto per poi produrre vino, perché l’agricoltura biologica è un sistema, non un processo.
Ma non era l’Africa quella della maledizione del riso e dell’olio di palma? Già… Non ce n’è, l’agroindustria miete vittime, e non è solo una questione estetica, ma anche etica. La terra considerata mera risorsa alla quale attingere a scopo di lucro non ha nulla a che vedere con i valori che l’agricoltura ha ispirato nei secoli.
Difendere il paesaggio è difendere la biodiversità, la fertilità del suolo, la qualità della vita e di ciò che consumiamo.
E, giusto per concludere un articolo per molti versi ovvio, con decisione unanime la Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco ha candidato il paesaggio vitivinicolo del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene e il dossier di candidatura, da qualche settimana a Parigi, ha molte possibilità di essere approvato entro l’anno. La notizia completa può essere letta sul sito dell’Agenzia Ansa, che l’ha pubblicata il 26 gennaio scorso e ciò significa che la lobby del prosecco si sta avviando a conseguire la patente di intoccabilità.
Bene. Sappiamo di avere, con questo articolo, smosso le coscienze degli ecochicbiobau di Brera. Ne parleranno, in attesa di completare il gruppo di amici davanti al Patuscino o al Radetzky. Dove, una volta accomodatisi, ordineranno uno spritz.

Alberto C. Steiner

Annunci

Case in paglia: come la storia ci insegna a costruire il futuro

Nei boschi della Lessinia, tra memorie dei Cimbri e la Madonna della Lobbia per parlare di case di paglia.cc-2017-02-23-madonna-della-lobbia-001
È la proposta di Case da Coltivare, che ha organizzato per sabato 4 marzo alle ore 20:30 l’incontro “Case in paglia: come la storia ci insegna a costruire il futuro” presso il Centro di cultura ambientale di Selva di Progno, in provincia di Verona.
L’evento è rivolto a chi vuole conoscere la cultura e le tradizioni costruttive della Lessinia e costruire con materiali naturali.
Antonia Stringher parlerà della cultura cimbra, vicina ma poco conosciuta, e in particolare delle case della Lessinia costruite con paglia, pietra e legno, cioè con quello che era disponibile sul posto. Case semplici, ma durature, funzionali e belle.
Costruire con la paglia è più che mai attuale. L’architetto Nicola Preti mostrerà una recente casa fatta con la paglia che ha interpretato la filosofia costruttiva della Lessinia.
E Claudio Gaiga, costruttore di case in paglia di Selva di Progno, spiegherà come ha convinto il committente a utilizzare la paglia per ristrutturare una piccola contrada.
Scopriremo perché la paglia, il legno, la calce e l’argilla sono materiali da rivalutare per costruire abitazioni sane e sicure.
A nostro avviso, anche se la stagione non è ancora quella ideale, il luogo scelto per l’evento merita un approfondimento. Selva di Progno, paese che conta circa un milgiaio di abitanti, è situato a 570 metri di altitudine e si estende per 42 km quadrati dall’alta Val d’Illasi fino alle pendici meridionali del Gruppo del Carega, al confine con le province di Trento e Vicenza. Il territorio è compreso all’interno del Parco Naturale Regionale della Lessinia e fa parte della Comunità montana della Lessinia.
In località Giazza, ultima oasi linguistica del “Tauch”1, vi è un minuscolo ma interessante Museo Etnografico dei Cimbri e poco lontano, in alpeggio, spicca solitaria una scultura che sembra abbozzata nel Medioevo: è la Madonna della Lobbia, una delle più interessanti sculture popolari della Lessinia, una Pietà che ricorda un “non finito” michelangiolesco e che, per l’essenzialità dei volumi e le forme appena abbozzate rimanda a stilizzazioni figurative e simboliche dell’Alto Medioevo. Il gruppo statuario, eseguito da un ignoto lapicida incaricato di scolpire una Deposizione per la parrocchiale di Campofontana, risale invece alla metà dell’Ottocento. Poiché la scultura non piacque fu collocata tra gli alpeggi della Lobbia, a protezione di greggi e mandrie.
Questo il link al sito di Case da Coltivare per chi volesse approfondire e partecipare.

Alberto C. Steiner

NOTA 1
Il Tauch era l’antica lingua parlata dai Cimbri, un popolo che risiedeva in Danimarca, nell’attuale Jutland che un tempo si chiamava Kimberland, cioè terra dei Cimbri.
Questo popolo circa 200 anni prima di Cristo emigrò verso sud entrando in Italia dal Brennero, trovando l’opposizione dell’esercito romano che, dopo numerosi scontri, lo sconfisse definitivamente. I sopravvissuti da questa disfatta si rifugiarono sulle zone impervie e disabitate delle Prealpi Venete fondando le comunità attuali cimbre del Veronese, del Vicentino e del Trentino.
Questa versione storica venne però contestata dopo il ritrovamento di alcuni documenti in cui si poteva leggere che nel 1287 il vescovo di Verona, Bartolomeo della Scala, chiamò dalla vicina Baviera dei coloni boscaioli “tzimberer” per disboscare le zone montane della Lessinia veronese di sua proprietà. Offrì loro la possibilità di costruirsi una dimora e costoro costituirono ampie comunità, dette contrade, che diedero poi luogo alla formazioni dei XIII Comuni Cimbri Veronesi. Secondo tale ipotesi storica il nome “cimbri” deriverebbe pertanto da una dialettizzazione progressiva dell’originario termine “tzimberer”.
I tredici comuni erano quelli che oggi si chiamano: Velo, Roverè, erbezzo, Selva di Progno, Boscochiesanuova, Badia Calavena, Cerro, San Mauro delle Saline, Azzarino, San Bortolo, Val di Porro, Tavernole, Camposilvano. Gli ultimi cinque sono oggi accorpati ai comuni limitrofi più estesi.

Vallicoltura, una tradizione storica e identitaria Veneta unica al mondo

cc-2017-02-01-vallicoltura-001Pochi conoscono le Valli da Pesca, dove si pratica la pescicoltura cosiddetta valliva con le stesse tecniche di allevamento in uso nel XVI Secolo, che derivano dagli antichi Veneti e che non trovano riscontro in nessun’altra parte del mondo.
Le valli, in tutto una trentina, sono zone di barena delimitate. La laguna Nord di Venezia ha valli piuttosto grandi, tra queste la Val Dogà estesa per circa 2mila ettari. Nella laguna Sud conta invece valli più piccole estese dai 100 ai 500 ettari.
Vi si alleva pesce biologico rigorosamente certificato, contribuendo alla salvaguardia della laguna, in quanto le valli costituiscono preziosi serbatoi naturali.cc-2017-02-01-vallicoltura-002Quest’attività plurisecolare, per non dire millenaria, pur se molto quotata presso i consumatori locali, è stata valorizzata come merita solamente a partire dall’anno 2011, in particolare grazie al biologo mestrino Mauro Doimi, che nell’interessantissima intervista – datata ma quanto mai attuale – ripresa dal nostro sito-partner Consulenza Finanziaria e leggibile qui, sottolinea il sano concetto che il vero biologico ha dei costi illustrando il progetto di introdurre il bio vallivo in alberghi di adeguato livello, luoghi di benessere ed agriturismi, fattorie didattiche e ristoranti attenti all’ambiente e frequentati da clienti culturalmente preparati ed ecosensibili.

ACS