Com’era verde il mio metano, praticamente rosso sangue

Un tempo, per contribuire al proprio mantenimento in carcere, numerosi detenuti lavoravano per l’industria cosmetica conferendo la propria urina, dalla quale veniva ricavata l’urea, il composto chimico CO(NH2)2 utilizzato per numerosi prodotti dermatologici e per alcuni colluttori.
Oggi l’industria cosmetica ha “licenziato” i detenuti nostrani preferendovi prodotti di sintesi o a basso costo provenienti dalle aree più disagiate dell’Asia e dell’Africa equatoriale.CC 2018.06.25 Biometano 001Con toni trionfalistici accompagnati dallo slogan “dalla stalla alla strada” Coldiretti ha annunciato la nascita della prima filiera di biometano agricolo finalizzata all’immissione in rete di 8 miliardi di metri cubi di gas “verde” entro il 2030.
Il protocollo d’intesa è stato firmato a Palazzo Rospigliosi a Roma da Coldiretti, Bonifiche Ferraresi, A2A, Snam e Gse con il coinvolgimento di imprese agricole e industriali, comuni italiani ed altri attori interessati alla produzione del biometano e al relativo utilizzo nel settore dei trasporti.
Mediante il recupero di scarti agricoli e degli allevamenti ci si propone di giungere alla distribuzione di biometano destinato al trasporto pubblico e privato riducendo sprechi ed emissioni inquinanti e creando nuovi posti di lavoro.
Bonifiche Ferraresi, la più grande aziende agricola italiana, realizzerà il primo progetto mentre Snam, oltre a promuovere sviluppo e tecnologie, metterà a disposizione la propria rete di trasporto. La milanese A2A intende realizzare quattro impianti di produzione utilizzanti il processo di digestione anaerobica.
Come nel mondo della meditazione e della crescita interiore, infine, non poteva mancare il facilitatore: si tratta di Gse, determinato a condividere con tutti gli interlocutori del settore energetico l’expertise maturato nella crescita delle fonti rinnovabili, in un’ottica di promozione della sostenibilità.
Per finire, la risposta alla domanda che, forse, qualcuno potrebbe porsi: da dove proverrà la materia organica di origine animale necessaria alla produzione? Semplice: poiché il vizio di sfruttare i detenuti, in questo caso gli internati nei campi di sterminio, la materia prima proviene dalle deiezioni di avicoli, bovini e suini allevati in veri e propri lager.

Alberto C. Steiner

Annunci